a monza

Fca: Marchionne, nessuna offerta da partner cinesi


default onloading pic
(Olycom)

1' di lettura

Fca non ha nessuna offerta sul tavolo e non è stata approcciata da nessuno. Così Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca, ha risposto alle domande dei cronisti parlando all'autodromo di Monza in occasione delle prove del Gran Premio a cui partecipa la Ferrari (di cui Marchionne è presidente e Ad). «Lo abbiamo detto chiaramente e pubblicamente anche nel comunicato stampa e lo confermiamo», ha aggiunto Marchionne, che ha anche negato l’ipotesi che si stia lavorando a un «big deal» per Fca. Il manager italo-canadese ha anche risposto «non lo so» alla domanda se pensa che ci possa essere un «grande deal» per Fca prima dell'aprile 2019 (quando Marchionne dovrebbe lasciare l'incarico). «È una bella domanda, non lo so, non si possono fare pronostici per i prossimi due anni. La cosa importante per noi e' confermare l'impegno per il piano al 2018», ha proseguito Marchionne, rilevando che «abbiamo anche annunciato che presenteremo un nuovo piano al 2022.

C'è una strada piuttosto chiara da seguire, il resto non conta niente. I risultati stanno arrivando. Il calo delle vendite in America era totalmente previsto, è legato alle flotte che abbiamo ridotto in maniera drastica. Da ottobre in poi le differenze cominceranno a scomparire e otterremo risultati piu' in linea con il passato».

Nelle scorse settimane era emersa l’ipotesi di un interessamento dei cinesi di Great Wall Motors per l’acquisizione del marchio Jeep. Fca ha confermato di ricevere contatti ma ha sempre mantenuto un basso profilo sulla vicenda, senza commentare le indiscrezioni rilanciate dalla stampa internazionale.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...