sindacati preoccupati

Fca, rilancio di Pomigliano legato al suv Tonale. Il 4 settembre al Mise rinnovo “cassa” per 4.500

I sindacati attendono l’ufficializzazione della produzione del nuovo suv Alfa Romeo Tonale a Pomigliano, per il rilancio dello stabilimento. Intanto il 4 settembre al Mise è in programma un incontro per il rinnovo della cassa integrazione per i 4.500 dipendenti. A Pomigliano si produce anche la Panda


Il Concept Tonale svela le linee del futuro Suv compatto Alfa Romeo

3' di lettura

«Il nuovo modello Alfa Romeo atteso nello stabilimento Fca di Pomigliano potrebbe essere finalmente in dirittura d'arrivo: si dovrebbe trattare del Tonale», il nuovo suv del Biscione presentato al Salone dell’Auto di Ginevra a marzo. Lo afferma Michele De Palma, responsabile Automotive
della Fiom.

GUARDA IL VIDEO / Alfa Romeo stupisce Ginevra con Tonale, prototipo di suv compatto

Il 4 settembre è convocato al ministero del Lavoro l’incontro per il rinnovo della cassa integrazione nella fabbrica campana, che dovrebbe interessare tutti i 4.500 lavoratori. «Si tratta di cassa per riorganizzazione: per produrre il nuovo modello - spiega De Palma - bisogna infatti fare una nuova linea perché quella della Panda non va bene. Il 4 chiederemo all’azienda il piano di investimenti per lo stabilimento, che serviranno a produrre il nuovo modello Alfa che da troppo tempo aspettiamo per la piena saturazione dell’impianto. Naturalmente bisognerà continuare anche a produrre la Panda».

SCOPRI DI PIU’ / Alfa Romeo Tonale e Fiat Centoventi, i concept che anticipano il nuovo suv e la futura Panda

La nuova Alfa Romeo Tonale, seguendo quanto già visto sulla sorella maggiore Stelvio, porterà su strada il Dna del marchio di Arese. Secondo quanto emerso all’epoca della presentazione al Salone di Ginevra di inizio marzo, l’autodovrebbe essere realizzata nello stabilimento di Pomigliano d'Arco e arrivare indicativamente sul mercato a partire dal 2020.

LEGGI ANCHE / Il piano Fca in Italia: investimenti, modelli e stabilimenti

Il piano di investimenti in Italia da 5 miliardi (sugli 8,3 per l’area Emea) annunciato lo scorso novembre prevedeva quattro nuovi modelli e una serie di interventi di restyling, finalizzati anche a raggiungere, sempre in Italia, la piena occupazione nel 2022. Secondo quanto previsto, Mirafiori vedrà nascere la 500 elettrica. A Melfi, dove si fanno la 500X e la Jeep Renegade, sarà prodotta la Jeep Compass mentre a Pomigliano accanto alla Panda, sarà prodotto, appunto, il nuovo suv compatto a marchio Alfa Romeo. A Cassino sarà destinato un nuovo modello Maserati.

Le fabbriche Fca sono ripartite a singhiozzo dopo le ferie estive, con un pesante ricorso alla cassa integrazione e i sindacati chiedono certezza sui tempi degli investimenti annunciati in Italia. La convocazione al Mise del 4 settembre è considerata un segnale positivo. «Il fatto che si tratti di cigs per riorganizzazione - spiega Michele De Palma - significa che potrebbe essere in dirittura d’arrivo il Tonale».

«Che si faccia il Tonale - dice Gianluca Ficco, responsabile Auto della Uilm - è assodato, c’è stato detto più volte da Fca. Confidiamo che il 4 vengano indicati i tempi. La Panda va meglio, ma siamo ancora lontani dalla piena occupazione. Anche Cassino è in difficoltà, a Mirafiori è stato avviato
l’investimento per la 500e ma non basta, sono necessari investimenti per la Maserati. Melfi fa tanta cig, ma è già partito l’investimento per la Renegade ibrida e per la Compass».

Per Marco Bentivogli, segretario generale Fim, «è fondamentale che arrivi la conferma della tempistica della produzione del Tonale, rinviato per troppo tempo. Ci auguriamo che i lavori sulla verniciatura effettuati quest'estate siano funzionali al nuovo modello e che si programmi la Panda ibrida annunciata il 29 novembre 2018. Il tema degli ammortizzatori diventa di più semplice gestione se ci sono conferme degli investimenti. Il lancio dei nuovi modelli è fondamentale».

«La cassa integrazione nelle fabbriche Fca si inserisce in un contesto drammatico per il lavoro. Si è perso un anno e mezzo in provvedimenti inutili, speriamo che il governo ora dia giusto spazio all'emergenza e
crei lavoro anziché distruggerlo. Il 4 si parlerà di cig per riorganizzazione a Pomigliano, è il segnale che la fabbrica può trovare un assetto definitivo per dare lavoro a tutti gli operai rimasti», osserva Roberto Di Maulo, segretario generale Fismic.

Alfa Romeo Tonale, le foto al salone di Ginevra

Alfa Romeo Tonale, le foto al salone di Ginevra

Photogallery12 foto

Visualizza

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...