ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa fotografia

Federmeccanica, +1,3% produzione su anno,-0,2 su trimestre

Nei principali paesi dell’Unione Europea, rispetto all’ultimo trimestre del 2021, la produzione metalmeccanica, a fronte di una flessione dello 0,2% osservata nel nostro paese, è risultata stabile in Germania (+0,1%), mentre è cresciuta dello 0,4% in Francia e dello 0,6% in Spagna

(foto imagoeconomica)

2' di lettura

Nel primo trimestre 2022 la produzione metalmeccanica cresce del +1,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a fronte però di una flessione del -0,2% nel confronto con il trimestre precedente. È quanto rileva la 162esima indagine congiunturale di Federmeccanica sull’industria metalmeccanica. «Nel primo trimestre dell’anno in corso» si legge nell’analisi «l’attività produttiva metalmeccanica evidenzia un’attenuazione dei risultati negativi osservati nel corso dell’ultimo trimestre del 2021 ma, allo stesso tempo, emerge un ridimensionamento delle prospettive di crescita».

Produzione metalmeccanica stabile in Germania, cresce in Francia e Spagna

Nell’indagine si osserva che nei principali paesi dell’Unione Europea, rispetto all’ultimo trimestre del 2021, la produzione metalmeccanica, a fronte di una flessione dello 0,2% osservata nel nostro paese, è risultata stabile in Germania (+0,1%), mentre è cresciuta dello 0,4% in Francia e dello 0,6% in Spagna. Nel confronto tendenziale si evidenzia una flessione del 5,8% per la Germania, del 3,5% per la Spagna e dell’1,7% per la Francia, mentre nel nostro Paese si è registrata una sostanziale stabilità dei volumi prodotti.

Loading...

Boom prezzi produzione, a marzo +15,4%

«Nel settore metalmeccanico, che risulta il maggior utilizzatore di metalli, a marzo i prezzi alla produzione sono aumentati del 15,4%. Queste dinamiche stanno avendo un impatto negativo sulla competitività di molte imprese e stanno fortemente ridimensionando i margini di profitto ulteriormente erosi dall’incremento dei costi dell’energia». L’indagine sottolinea che l’andamento dei prezzi delle materie prime continua a ripercuotersi sui prezzi alla produzione e «in questo inizio anno proseguono le dinamiche crescenti osservate nel corso dell’intero 2021».

Riduzione del margine operativo lordo per oltre il 60% delle imprese

Federmeccanica spiega che oltre il 60% delle imprese ha registrato una riduzione del margine operativo lordo, mentre il 14% ha dichiarato una contrazione superiore al 25%. Il 53% delle imprese sta risentendo degli effetti del conflitto russo-ucraino: il 60% prevede una contrazione dell’attività produttiva, mentre il 4% corre il rischio di doverla interrompere. Il 93% delle imprese partecipanti all’indagine di Federmeccanica ha registrato ulteriori rincari dei prezzi delle materie prime; il 70% ha dichiarato difficoltà di approvvigionamento; nel 41% dei casi gli elevati costi delle materie prime e dell’energia hanno comportato la riorganizzazione del lavoro e/o dell’attività produttiva; mentre il 4% delle aziende corre il rischio di dover interrompere la propria attività.

Export +18,3% annuo, ma crollo Cina e Russia

Nel settore metalmeccanico le esportazioni sono cresciute del +18,3% rispetto al primo trimestre del 2021, ma si registra un calo verso la Cina e la Russia intorno al 10%. L’indagine mette in evidenza come nello stesso periodo le importazioni in valore siano cresciute del 25%. «Gli incrementi dell’interscambio in valore - si legge ne4l documento - sono stati influenzati da una forte crescita dei valori medi unitari». Con riferimento alle aree di destinazione, le esportazioni verso i paesi Ue sono cresciute del 20,4% mentre quelle verso i paesi terzi del 15,7%. Federmeccania segnala come sia «significativamente aumentato l’export verso i principali paesi europei (Francia, Germania e Spagna) e verso gli Stati Uniti (+32,2% sul primo trimestre 2021)». Quanto al calo delle esportazioni verso la Russia nel singolo mese di marzo (mese di inizio dell’invasione dell’Ucraina) le esportazioni metalmeccaniche sono diminuite del 61,4% rispetto a marzo 2021.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti