mercato dell’arte

Feitosa: l’arte brasiliana entra nelle collezioni

di Maria Adelaide Marchesoni

4' di lettura

La scena artistica in Brasile è cambiata in questi anni, la fiera SP-Art e che si è svolta dal 12 al 15 aprile, fondata nel 2005 e diretta da Fernanda Feitosa ha avuto un ruolo strategico. «Ogni anno è stato diverso in quanto abbiamo nuovi partecipanti, nuove opere d'arte, nuovi capolavori, scoperte recenti ... E ogni anno abbiamo anche un programma diverso e nuove funzionalità. Quest'anno, ad esempio, il settore Performance ha presentato un format diverso: cinque performance di lunga durata, appositamente commissionate per SP-Arte, sono state simultaneamente eseguite e “senza sosta” per otto ore al giorno. Una vera prova di resistenza per gli artisti! Un'altra novità dell'edizione di quest'anno è stato il nuovo spazio dedicato ai designer brasiliani indipendenti nella sezione Design. I visitatori hanno potuto anche assistere a un'esposizione eccezionale di carrelli da tè: 16 pezzi diversi che coprono 90 anni di storia del carrello da tè brasiliano, che hanno mostrato l'evoluzione di questo mobile in Brasile».
In che modo l'enfasi della fiera è cambiata dai suoi primi anni fino ad oggi?
L'attenzione non è cambiata, solo la sua configurazione è cresciuta. Fin dall'inizio, SP-Arte è stata una piattaforma per il moderno e il contemporaneo, il locale e l'internazionale. Negli ultimi 13 anni, con la fiera in continua evoluzione, abbiamo dato più spazio alle gallerie internazionali, oltre a creare sezioni speciali, curate dagli ospiti come Solo, Repertorio, Performance e Design.
Le prospettive di business per le gallerie sono migliori rispetto agli anni passati?
Siamo fiduciosi sulle prospettive di business per le gallerie che hanno partecipato quest’anno. Lo scenario del paese è migliorato rispetto agli ultimi tre anni in seguito alla profonda crisi politica ed economica. Tutti gli indicatori sono migliorati: i tassi d’inflazione e d’interesse sono al loro punto più basso e l'occupazione si sta riprendendo. C'è un recupero di ottimismo in tutti i sondaggi. Quindi siamo fiduciosi che questo si rifletterà positivamente sul mercato dell'arte.
Che tipo di collezionista frequenta SP-Arte?
Tutti i tipi di collezionisti e di solito i migliori collezionisti locali, dagli Stati Uniti, dall'Europa, dai paesi vicini ...
Qual è il profilo del collezionista tipo brasiliano?
Giovane, tra i 25 ei 50 anni, ben informato e, di solito, prende da solo le decisioni d’acquisto. La consulenza artistica è una pratica relativamente nuova qui in Brasile poiché il mercato si è evoluto, quindi la maggior parte dei collezionisti compra ancora per proprio conto. Il collezionista brasiliano tiene d'occhio l'arte brasiliana: naturalmente, i collezionisti, in qualsiasi territorio, conoscono meglio la loro arte. Tuttavia, negli ultimi 10 anni - non ultimo come risultato di SP-Arte - vediamo una presenza molto più grande di artisti internazionali all'interno delle collezioni in Brasile.
L'attuale scenario fiscale per il collezionista straniero?
Non ci sono tasse sugli acquisti per i collezionisti stranieri in fiera.
Qual è stato il prezzo medio delle opere d'arte in questa edizione della fiera rispetto allo scorso anno?
La fiera ha tradizionalmente una vasta gamma di fasce di prezzo, che vanno dal moderato (3.000-6.000 $) e medio (15.000-50.000 $) all’alto (500.000 - 1 milione di $ e oltre). Quest'anno ha seguito lo stesso modello.
Arte e mercato sono in sintonia?
Non sempre coesistono bene, ma dovrebbero. C'è sempre una tensione tra arte e mercato ed è per questo che abbiamo così tanti attori diversi per bilanciare questa tensione - critici, curatori, artisti, musei, fiere, gallerie, istituzioni ecc. Tutti i protagonisti nei loro ruoli contribuiscono alla scena artistica ed è ciò che crea e arricchisce il sistema di controlli e contrappesi nel mercato dell'arte.
L'arte è un investimento sicuro in tempi di turbolenze economiche e politiche?
Sicuramente e tutte le volte!
Come collezionista qual è l'ultima opera d'arte che ha acquistato, per quale motivo?
Io e mio marito abbiamo acquistato recentemente un set di ricami di Josè Leonilson. Siamo collezionisti molto pazienti, non abbiamo fretta di acquistare opere e ci piace capire il corpo del lavoro di ogni nuovo artista con cui familiarizziamo.
Quali tra gli artisti emergenti brasiliani che hanno avuto successo non solo in Brasile, ma anche su scala internazionale?
Ci sono molti artisti brasiliani emergenti nella scena artistica a livello mondiale, come Jonathas de Andrade, Ivan Grilo, Rodrigo Cass, André Komatsu, Cinthia Marcelle, Andre Komatsu, Rivane Neuenschwander, Vivian Caccuri, Marcelo Moscheta, Rodrigo Braga, solo per citarne alcuni. Ci sono anche nomi affermati che sono stati scoperti dai musei internazionali, come gli artisti pop degli anni '60 e '70 come Claudio Tozzi, Rubens Gerchman, Wesley Duke Lee, o il pittore modernista Alfredo Volpi, o lo scultore Sergio Camargo, artisti dagli anni '80 come Josè Leonilson e molti altri. Nella fotografia, ad esempio, c'è un crescente interesse per i nostri fotografi moderni degli anni ’50 e ’60 come Geraldo de Barros, Thomaz Farkas e German Lorca - tutti recentemente acquisiti da istituzioni come il MoMa e la Tate .

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti