Lusso

Ferragamo: rimbalzo firmato da Cina e Corea

Dopo la grande gelata, a luglio e agosto le vendite del gruppo fiorentino sono salite a doppia cifra in Asia. Sabato la sfilata a Milano

di Silvia Pieraccini

3' di lettura

Piccoli segnali crescono, per tornare alla normalità pre-Covid. I segnali che la maison Ferragamo lancia in questo settembre sono tre, tutti indice della volontà di ripartire: una sfilata fisica alla Milano Fashion week; un aumento delle vendite registrato negli ultimi due mesi in Asia, primo mercato di sbocco del gruppo; una riscoperta delle origini e del lavoro del fondatore Salvatore Ferragamo, geniale calzolaio guidato dall’idea di fare scarpe belle, con i tacchi alti e allo stesso tempo comode, declinata attraverso un docu-film, la ristampa della sua biografia e una serie di podcast interpretati da personaggi dello spettacolo e della cultura.

Sfilare per immergersi nella creatività

Per il gruppo fiorentino del lusso quotato in Borsa e controllato dalla famiglia Ferragamo, 1,37 miliardi di ricavi 2019, è una fase intensa e delicata. La sfilata alla Rotonda della Besana in programma sabato 26 settembre, all’aperto così da correre meno rischi sanitari, sarà co-ed uomo e donna, firmata dal direttore creativo Paul Andrew. Gli ospiti saranno meno di 200, ma la scelta di non ricorrere solo al digitale è significativa: «La pandemia ha pesato sui risultati del primo semestre per l’intero settore - dice l’amministratore delegato di Ferragamo, Micaela leDivelec Lemmi - ma tornare a sfilare fisicamente vuole essere un messaggio importante della volontà di ripartire recuperando occasioni di immersione totale nella creatività».

Loading...

I cali di ricavi del primo semestre sono stati pesanti (-46,6%) ma nei mesi di luglio e agosto le vendite sono cresciute rispetto al 2019 sia in Cina che in Corea e nel canale digitale. «Lo scenario globale è ancora molto volatile e incerto – spiega l’amministratore delegato - in Ferragamo stiamo pianificando l’attività verso una progressiva normalità e stiamo spingendo soprattutto nei mercati chiave come la Cina».

Il rimbalzo di luglio e agosto lascia ben sperare: «In questi due mesi – aggiunge l’ad - sono arrivati segnali di ripresa incoraggianti dall’Asia: le vendite di Cina e Corea hanno registrato incrementi double digit, offrendo ottime prospettive per investimenti e crescita futura. Sempre in questi due mesi abbiamo avuto buoni segnali anche da Paesi come Taiwan, e più recentemente Canada e Brasile, ma anche Russia e Middle East stanno progressivamente recuperando».

Se il futuro sembra schiarirsi dopo la “grande gelata” della prima parte dell’anno, l’azienda fiorentina torna a guardare anche al passato, a quel Salvatore Ferragamo che l’ha fondata quasi 100 anni fa a Firenze, eletta città di lavoro al ritorno dall’America dov’era andato a cercare fortuna partendo da un piccolo paese campano, Bonito.

Una favola alla Mostra di Venezia

La storia di Salvatore Ferragamo - ora narrata in un docu-film con la regìa di Luca Guadagnino che è stato presentato in anteprima pochi giorni fa alla Mostra del Cinema di Venezia e ha strappato applausi e gradimento - in effetti assomiglia a una favola in cui il protagonista insegue e realizza il sogno di una vita.

Salvatore, nato nel 1898 e undicesimo figlio di una famiglia povera dell’Irpinia, a 17 anni partì per l’America senza soldi e, grazie alle abilità di ciabattino che aveva appreso nel paese di origine e alla creatività spinta, diventò in pochi anni il calzolaio delle dive di Hollywood, da Marylin Monroe a Greta Garbo: tutte volevano le sue scarpe belle, sofisticate e comode, frutto degli studi sull’anatomia del piede, uniti agli studi di matematica e ingegneria chimica, fatti all’Università di Los Angeles. Nel 1923 Salvatore aprì l’Hollywood boot shop e la sua carriera americana decollò. Quando, quattro anni dopo, decise di tornare in Italia, scelse Firenze per il suo contesto di talento artigianale e stimoli culturali.

La storia di Salvatore Ferragamo è stata narrata a voce da lui stesso in un libro autobiografico, “Il Calzolaio dei sogni”, pubblicato in lingua inglese nel 1957 e in italiano nel 1971, che ora è stato rieditato da Electa con una nuova veste grafica. La maison ha deciso anche di rendere accessibile quel racconto diviso in 22 capitoli, affidandone la lettura a 22 attori, scrittori, giornalisti, da Sinéad Burke a Stanley Tucci, da Penny Martin a Michelle Monaghan, da Dylan Jones a Valeria Golino, Isabella Rossellini, Suzy Menkes, Jessica Alba. Le interpretazioni sono disponibili sulle piattaforme digitali Spotify, SoundCloud e AppleiTunes.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti