ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGrandi gare

Ferrari, ecco i piloti per il ritorno alla 24 Ore di Le Mans 2023

Le due vetture di Maranello che saranno anche al via del Campionato mondiale Endurance schiereranno sei driver fra cui sono tre italiani.

di Corrado Canali

2' di lettura

La Ferrari ha annunciato i piloti per il suo ritorno alla 24 Ore di Le Mans del centenario che si svolgerà il 10 e 11 giugno, e anche del previsto ritorno di Maranello nel Campionato mondiale Endurance.
Alla guida della vettura numero 50 ci saranno l’italiano Antonio Fuoco, lo spagnolo Miguel Molina e il danese Nicklas Nielsen.
Il numero 50 è stato scelto dalla Ferrari per ricordare gli anni trascorsi dall'ultima gara nella classe regina del mondiale endurance.

Sono passati 50 anni dall’ultima gara nell’Endurance di Ferrari

L'italiano Antonio Fuoco, classe 1996, si sta rapidamente affermando come uno dei piloti di maggiore talento nel panorama delle corse di durata e con lo spagnolo Miguel Molina si è aggiudicato il successo nella 8 Ore del Bahrain, svolgendo un ruolo decisivo per la conquista del titolo mondiale Costruttori con un grande finale di stagione che ha convinto il costruttore di Maranello di sceglierlo anche per la nuova avventura sportiva a livello mondiale.

Loading...

Tutti i piloti fanno parte della famiglia Ferrari

Molina, classe 1989, campione della European Le Mans Series nel 2021, porta all'equipaggio la sua grande. Il danese Nicklas Nielsen, classe 1997, dopo essersi laureato campione del mondo nella classe LMP2 Pro-Am, completa un percorso che ha avuto nel Ferrari Challenge un’accelerazione e che lo ha visto aggiudicarsi almeno un titolo continentale o mondiale ininterrottamente dal 2018, sempre al volante di vetture del Cavallino Rampante.

Gli altri due italiani alla guida della numero 51

Alla guida della vettura numero 51, uno dei numeri più vincenti nella storia Ferrari, ci saranno gli altri due italiani: Alessandro Pier Guidi classe 1983 che si è appena laureato insieme al britannico James Calado, classe 1989 campione del mondo, per la seconda volta consecutiva, la terza in carriera in classe LMGTE Pro.

I neo campioni mondiale nel 2023 affronteranno sempre insieme la sfida all'alloro nella classe regina e in particolare la Le Mans 2023.

Giovinazzi resterà il pilota di riserva della Ferrari F.1

La coppia iridata potrà contare anche sulla velocità dell'italiano Antonio Giovinazzi, classe 1993, impegnato per la prima volta a tempo pieno nel mondiale Endurance dopo l'esperienza in occasione della 24 Ore di Le Mans del 2018, in cui si mise in evidenza. Giovinazzi continuerà in ogni caso la collaborazione cge era già stata avviata con la Scuderia Ferrari di Formula Uno svolgendo di conseguenza il ruolo di pilota di riserva anche nel corso del 2023.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti