bollicine italiane

Ferrari batte lo champagne: sarà lo spumante ufficiale della Formula 1 per tre anni

Le bottigile della cantina Trento Doc saranno presenti sui podi delle premiazioni e in tutte le occasioni ufficiali in F1

di Emiliano Sgambato

default onloading pic
Ferrari Trento è il brindisi di Formula 1

3' di lettura

Sui podi (e non solo) della Formula 1 si brinderà con le bollicine italiane. Sarà Ferrari – nessun legame con la scuderia del Cavallino – lo spumante ufficiale del Campionato del mondo di Formula 1, quest’anno e per i prossimi tre anni.

Ad annunciare l’accordo il ceo, Matteo Lunelli: «Le bollicine di Ferrari spumanti – ha spiegato – saranno sul podio di tutti i prossimi gran premi di Formula 1 ma non solo. Diventare lo spumante ufficiale significherà essere presenti in tutte le occasioni che circondano l’evento Gran Premio. Un progetto che siamo convinti potrà fare la differenza per la notorietà di Ferrari Trento a livello internazionale. Salire sul podio della Formula 1 è per noi al tempo stesso un traguardo e un punto di partenza. Un traguardo perché dimostra l'autorevolezza e apprezzamento di cui le Cantine Ferrari godono a livello internazionale, grazie al talento e all'intenso lavoro di tutto il nostro team. Un punto di partenza perché ci apprestiamo a vivere una straordinaria avventura che ci permetterà di portare un tocco di convivialità e arte di vivere italiana nel mondo della Formula 1. Abbiamo deciso di intraprendere questo ambizioso progetto, nonostante il difficile momento storico, come segno di fiducia nel futuro e perché crediamo fortemente nelle potenzialità del nostro marchio».

Loading...

Le Rosse di Maranello non saranno quindi le uniche Ferrari sui podi della F1 e il sorpasso sullo champagne farà gioire i tifosi delle bollicine italiane. «La qualità del prodotto non ha nulla da invidiare – ha commentato il ceo della Formula 1, Stefano Domenicali – da italiano sono molto felice e sono convinto questa partnership possa rappresentare una grande opportunità per Ferrari spumanti e per il vino italiano». Forse era lo step che mancava per fare davvero un balzo in avanti sul piano della notorietà internazionale, e non solo per la cantina trentina, ma per tutta la produzione tricolore.

Matteo_Lunelli_e_Stefano_Domenicali

La prima volta in cui le bottiglia formato Jeroboam di Ferrari saliranno sul podio di Formula 1 sarà al Gran Premio di Imola «e ci piacerebbe - ha aggiunto Matteo Lunelli - che in quell'occasione ci possa essere almeno in parte del pubblico in presenza».

La passione per lo sport da parte del Trento Doc non è una novità e già stato il brindisi del Gran Premio di Monza negli anni 80. L’ultima iniziativa in ordine di tempo è legata alla vela: è stata infatti lanciata una edizione limitata di Ferrari Maximum Blanc de Blancs (in soli 2021 esemplari numerati), per celebrare la partnership con il team Luna Rossa Prada Pirelli nella sfida per la 36esima America's Cup. Brindisi ufficiali griffati Ferrari anche per i Mondiali di Sci appena conclusi in “Casa Italia Collection Fisi Cortina 2021”.

Sono numerosi i riconoscimenti alla qualità delle bollicine Ferrari da parte di giurie e riviste internazionali: la prima medaglia d’oro all'Esposizione Internazionale di Milano del 1906.

«Formula 1 ha scelto Ferrari Trento come partner ufficiale per i festeggiamenti e i momenti conviviali – si legge in una nota – non solo perché è uno dei produttori più prestigiosi e premiati al mondo, ma anche per la sua lunga e autorevole storia. Proprio come Formula 1, la cantina trentina è un leader globale nel proprio settore, posizione conquistata in oltre un secolo di storia e grazie alla continua ricerca dell'eccellenza. Lo stesso spirito pionieristico nel proprio campo ha portato Formula 1 al successo di oggi: il Campionato Mondiale conta 500 milioni di appassionati nel mondo, piloti e costruttori godono di un incredibile seguito e popolarità».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti