alimentare

Ferrero, a 6mila dipendenti in Italia un premio da 2.100 euro ad ottobre

Previsto dall’integrativo del 2018, sarà erogato nella busta paga di ottobre e per il 70% è determinato dalle performance del singolo stabilimento

di Filomena Greco

default onloading pic

2' di lettura

Un premio da 2.100 euro per 6mila dipendenti italiani del Gruppo Ferrero. Arriverà con la busta paga di ottobre e sarà defiscalizzato, con un’aliquota sostitutiva pari al 10%. La comunicazione è arrivata durante l’annuale incontro tra i vertici dell’azienda e i sindacati. La somma – il massimo previsto è pari a 2.200, mentre l’anno scorso ha raggiunto i 2mila euro – è determinata dagli obiettivi raggiunti durante i mesi scorsi in termini di efficienza e produttività.

Quattro gli stabilimenti italiani del gigante di Alba, alle prese con il consolidamento sul mercato dei Nutella biscuits e con i numeri di una stagione condizionata da lockdown e pandemia. Problemi, che almeno stando a quanto riferiscono i sindacati in una nota, non hanno toccato Ferrero. «La pandemia e il lockdown hanno condizionato profondamente le abitudini quotidiane degli italiani – scrivono Fai, Flai e Uila dopo l’incontro – tuttavia i prodotti Ferrero hanno ottenuto in media risultati positivi mantenendo un livello di gradimento molto alto anche durante questo periodo molto delicato e particolare».

Loading...

Con il mese di agosto si è chiuso dunque un bilancio che dovrà confrontarsi con un anno, il 2018/2019, che ha segnato ricavi in crescita in Italia del 2,9% con un utile a quota 222 milioni. A compensare i possibili cali allo scaffale ci sarà però l’effetto traino delle vendite dei biscotti alla nutella, lanciati in Italia a novembre scorso e destinati a diventare un prodotto icona per la casa di Alba. Oggi sono distribuiti, oltre che in Italia, in Francia.

Il premio Ferrero – Plo, Premio Legato ad Obiettivi – per l’anno 2019-2020, premio introdotto dal contratto integrativo firmato nel 2018 e valido fino al 2021-2022, punta a all’incremento produttivo nei quattro stabilimenti italiani. Il valore del premio è determinato dall’andamento di due parametri: il risultato economico, unico per tutta l’azienda (concorre a determinare il 30% dell’importo) e il risultato gestionale (rappresenta il 70% del premio) collegato invece all’andamento di ogni stabilimento o area di lavoro.

I premi dunque risultano leggermente diversi a seconda delle sedi: ai dipendenti di Alba andranno 2.105,97 euro lordi, a Balvano 2.127,74, agli addetti di Pozzuolo 2.136,03 mentre a Sant’Angelo 2.170,24. Durante l’incontro poi azienda e sindacali hanno espresso soddisfazione per le iniziative attuate in tutte le sedi aziendali per fronteggiare l’emergenza Covid19. «Tali attività – scrive Ferrero in una nota – hanno consentito a tutti i lavoratori del Gruppo di lavorare in piena sicurezza e garantire la continuità dell’attività produttiva, la piena funzionalità del network logistico e un’efficace azione di presidio del mercato».

La settimana scorsa l’azienda ha annunciato l’apertura delle iscrizioni al master universitario di II livello in “Innovazione nelle Scienze e Tecnologie Alimentari” dedicato a Michele Ferrero, promosso e coordinato dall’Università di Torino con la partecipazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore - Campus di Piacenza. La Fondazione Ferrero mette a disposizione una borsa di studio da 5mila euro a copertura della quota di iscrizione, 8mila euro di contributi per i 12 partecipanti al master e due premi da 10mila euro, per lo studente che avrà il miglior punteggio complessivo e per la migliore tesi finale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti