dolciario

Ferrero cresce del 7,8% nell’anno della pandemia e investe 619 milioni su stabilimenti e ricerca

Il Gruppo guidato da Giovanni Ferrero e Lapo Civiletti ha chiuso con ricavi pari a 12,3 miliardi - All’attivo 105 società e 31 stabilimenti nel mondo

di Filomena Greco

default onloading pic

2' di lettura

Ferrero International guadagna terreno, anche nell’anno terribile del Covid. La società capogruppo ha chiude il bilancio consolidato relativo all’esercizio 2019/2020 (al 31 agosto) con un fatturato pari a 12,3 miliardi di euro, il 7,8% rispetto all’anno precedente. Il Gruppo, guidato da Giovanni Ferrero in qualità di presidente esecutivo e Lapo Civiletti come ceo è costituito da 105 società consolidate a livello mondiale e 31 stabilimenti produttivi e un organico medio pari a 34.121 dipendenti.

Presente in oltre 170 paesi, il Gruppo dolciario nato ad Alba, in Piemonte, negli anni Cinquanta, ha avviato una fase di ampliamento del business attraverso acquisizioni a partire dal 2015 che ne ha rafforzato la presenza soprattutto in Europa e negli Stati Uniti. Il risultato dell’anno scorso infatti ha registrato un aumento delle vendite di prodotti finiti soprattutto negli Stati Uniti «e in altri mercati occidentali quali Germania, Francia e Italia» come chiarisce una nota diffusa dal Gruppo. Inoltre a incidere positivamente sui ricavi è stato l’effetto traino svolto da alcuni brand come Nutella® e Kinder Bueno®, e al lancio di nuovi prodotti come Nutella Biscuits® sul mercato italiano.

Loading...

I ricavi al 31 agosto 2020 rappresentano poi, come chiarisce il Gruppo, il «primo anno di completa integrazione nel bilancio consolidato di Gruppo di prodotti come Keebler® nel mercato statunitense, a seguito dell'acquisizione del business dei biscotti di Kellogg Company, alla fine dell'anno fiscale 2018/2019».

«Nonostante le incertezze causate dal Covid-19 – sottolinea Ferrero in un comunicato – il Gruppo è stato in grado di gestire con successo le sfide anche nel contesto pandemico. Mettendo sempre al primo posto la salute e la sicurezza di dipendenti e consumatori, il Gruppo ha dimostrando agilità e resilienza nell’assicurare continuità operativa e la consueta presenza dei propri prodotti sul mercato per soddisfare i consumatori». Uno sforso fatto per salvaguardare le attività del Gruppo e l’intera filiera alimentare.

La crescita organica, escludendo dunqie l’'impatto delle aggregazioni di business, si attesterebbe comunque ad un +1,5% ai tassi di cambio correnti. Sul fronte degli investimenti, l’anno appena trascorso ha registrato un impegno complessivo pari a 619 milioni di euro. «Sull'ammontare totale degli investimenti la parte più significativa è stata focalizzata su immobili, impianti e macchinari (534 milioni di euro) principalmente in Italia, Germania, Stati Uniti e Polonia» sottolinea Ferrero. Il Gruppo dunque continua a scommettere nell’espansione della propria capacità produttiva e sulle attività di ricerca e sviluppo.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti