ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmatricole di borsa

Ferretti, ok Consob all’Ipo. Galassi: «Non vendiamo sogni»

L’offerta inizia oggi e terminerà il 10 ottobre. La forchetta di prezzo prevista è tra 2,5 e 3,7 euro per una valorizzazione complessiva della società che potrebbe superare 1 miliardo di euro. Lo sbarco ufficiale a Piazza Affari è previsto per il 16 ottobre

di Cheo Condina


default onloading pic
Lo Yacht 670 della Ferretti a Venezia (Ansa)

3' di lettura

Via libera Consob all'Ipo di Ferretti. L'Autorità ha autorizzato e pubblicato il prospetto informativo relativo all'ammissione alla quotazione e alle negoziazioni su Borsa Italiana delle azioni del gruppo specializzato nella produzione di yacht. L'inizio dell'Offerta è previsto per oggi e la stessa terminerà il 10 ottobre. La forchetta di prezzo prevista è tra 2,5 e 3,7 euro per una valorizzazione complessiva della società che potrebbe superare 1 miliardo di euro. Lo sbarco ufficiale a Piazza Affari è previsto per il 16 ottobre.

«Non vendiamo sogni ma fatti: ci quotiamo con zero debiti, raccogliamo capitali per crescere e per fare cose diverse, anche perché il nostro business plan è già tutto finanziato». Così Alberto Galassi, amministratore delegato di Ferretti Group, presentando l'Ipo del gruppo specializzato in yacht e barche di lusso che oggi ha avviato l'Offerta di azioni per la quotazione, prevista per il 16 ottobre a Piazza Affari. Gli attuali soci, il gruppo cinese Weichai con l'86% e Piero Ferrari con l'11%, «resteranno perché fino ad oggi hanno giocato solo il primo tempo» di un turn around che ha visto l'Ebitda adjusted passare dai -22 milioni del 2014 ai 53 milioni di fine 2018, ha aggiunto Galassi, precisando che nel primo semestre del 2019 i margini sono saliti del 25,7% a 30 milioni. I ricavi sono invece passati dai 309 milioni di cinque anni fa a 609 milioni del 2018 con un primo semestre 2019 che si attesta a 332 milioni in crescita dell'11,3%.
Interpellato sulla futura dividend policy dell'azienda, l'ad non ha voluto fornire alcuna indicazione sottolineando invece gli importanti margini di crescita di Ferretti. «Il 2020 sarà un anno di investimenti, non c'è una guidance sui dividendi», è stato detto.

LEGGI ANCHE / quotazioneIpo, Ferretti a Piazza Affari può valere fino a un miliardo

«Ma sarebbe stupido fare una Ipo per fare più barche, il nostro business plan è già finanziato. Vogliamo fare cose diverse», ha precisato l'ad di Ferretti, Galassi. In particolare la strategia post quotazione sarà focalizzata su cinque pilastri: completare il portafoglio di yacht e finalizzare quello nuovo delle barche Wally («una miniera d'oro», ha precisato il manager), espandere le attività della Ferretti Security Division («nel mondo c'è una forte necessità di pattugliatori veloci e al proposito abbiamo una importante negoziazione per una commessa nel Golfo Persico»), sviluppare servizi per i clienti (tra cui il brokeraggio e il post vendita) ed estendere il brand su altri prodotti come peraltro fatto dalla Ferrari negli ultimi anni. «Ci focalizzeremo su iniziative anticicliche: - ha precisato Galassi - abbiamo deciso di fare l'Ipo adesso perchè abbiamo numeri eccezionali e una strategia definita».

Barclays Bank, Bnp Paribas, Mediobanca e Ubs Investment Bank sono i coordinatori dell'offerta e joint bookrunner. Bnp Paribas agirà, inoltre, in qualità di Sponsor. Bper Banca agirà in qualità di Co-Manager.

Dentons Studio Legale assiste Ferretti, per gli aspetti di diritto italiano e per quelli di diritto americano e inglese nell'ambito della Quotazione. Pedersoli Studio Legale assiste la Società e l'azionista venditore Ferretti International Holding S.p.A. per quanto concerne taluni aspetti societari, di governance e relativi all'Ipo, nonché il finanziamento bancario propedeutico all'operazione. King & Wood Mallesons assiste l'azionista venditore Ferretti International Holding S.p.A. per gli aspetti corporate finance e di diritto cinese.

Linklaters assiste i Coordinatori dell'Offerta, BNP Paribas, in qualità di Sponsor, e Bper Banca S.p.A., in qualità di Co-Manager per gli aspetti italiani e internazionali relativi all'operazione.

Inoltre, Boston Consulting Group assiste la società su aspetti di natura strategica e operativa.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Cheo CondinaRedattore Radiocor

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese

    Argomenti: Energia, infrastrutture, assicurazioni, finanza e mercati

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...