azioni offerte sul MTA

Ferretti Yachts approda in Borsa. Quotazione entro fine ottobre

A incoraggiare la società nel portare avanti l'operazione sono stati anche i risultati economici e finanziari del primo semestre, che hanno confermato il trend positivo di crescita


default onloading pic
Yacht Ferretti in costruzione nello stabilimento di Sarnico (Reuters)

2' di lettura

Ferretti, gruppo attivo nella progettazione, costruzione e vendita di yacht a motore e da diporto di lusso, intende quotarsi sull'Mta di Borsa Italiana, con il primo giorno di negoziazione previsto entro la fine di ottobre. La società, che ha da poco completato un'iniezione di capitale di circa 250 milioni di euro, intende raccogliere ulteriori circa 100 milioni dall'emissione e dal collocamento delle nuove azioni e prevede di utilizzare questo importo per sostenere gli obiettivi di crescita e sviluppo del gruppo.

L'offerta consisterà in una vendita primaria di azioni ordinarie di nuova emissione e in una vendita secondaria di azioni ordinarie detenute da alcuni degli azionisti esistenti di Ferretti, in un collocamento privato rivolto a investitori istituzionali fuori dagli Stati Uniti (inclusi investitori qualificati in Italia) e qualified institutional buyer in Usa. Inoltre, Ferretti offrirà nuove azioni ad alcuni dirigenti con responsabilità strategiche a uno sconto sul prezzo di offerta, in relazione alla quale è prevista anche una consueta opzione di sovrallocazione.

Nell'ambito dell'offerta, Barclays, Bnp Paribas, Mediobanca - Banca di Credito Finanziario e Ubs saranno joint global coordinators e joint bookrunners, mentre Bnp Paribas agirà anche come sponsor ai fini della quotazione.

LEGGI ANCHE / Ferretti torna all'utile dopo sette anni e prevede nuovi investimenti

A incoraggiare la società nel portare avanti l'operazione sono stati anche i risultati economici e finanziari del primo semestre, che hanno confermato il trend positivo di crescita: la società ha registrato ricavi pari a 332 milioni di euro ed Ebitda Adjusted di 30 milioni, con un aumento rispettivamente dell'11% e del 26% rispetto ai primi sei mesi del 2018. A partire da giugno 2019, il portafoglio ordini è salito a 653 milioni di euro, con un incremento del 19% rispetto a giugno 2018.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...