ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùL’IMPATTO DEL COVID

Fiere tedesche, perdite complessive per 43,5 miliardi

Sono 270 finora le esposizioni cancellate nel 2021: 70 si sono tenute in modalità digitale e 30 sono state rinviate al prossimo anno. La situazione resta difficile e per la ripresa bisognerà attendere la seconda metà del 2022

di Chiara Bussi

(Reuters)

I punti chiave

  • Il sostegno
  • Espositori internazionali cruciali per la ripartenza
  • L’indagine Ifo

3' di lettura

C'è un numero che racconta più di ogni altra parola la difficoltà del settore fieristico tedesco: 270. Sono le esposizioni annullate finora quest'anno a causa della pandemia. Di esse circa 70 si sono tenute esclusivamente in modalità digitale e 30 sono state rinviate al 2022. Da inizio anno circa 90 hanno invece potuto tenersi in presenza e c'è ancora la speranza di riuscire a confermarne altre 25 entro la fine di dicembre. «L'industria fieristica del nostro Paese – sottolinea Jörn Holtmeier, managing director di Auma, l’Associazione nazionale del comparto - è stata una delle più colpite dagli effetti del Covid. Tra marzo 2020 e settembre 2021 il settore è stato obbligato a una pausa di 19 mesi che si è tradotta in una perdita economica complessiva di 43,5 miliardi di euro». Nel solo 2020 gli enti fieristici hanno registrato un calo dei ricavi del 70% e il quadro è cupo anche per l’anno in corso.

Il sostegno

Per alleviare le difficoltà del settore il governo federale ha chiesto e ottenuto dalla Commissione Ue il via libera a un pacchetto di misure in deroga al regime de minimis sugli aiuti di Stato. Lo scorso 11 novembre Bruxelles ha dato l'ok al prolungamento della misura per coprire le perdite fino al 30 giugno 2021.

Loading...

Tra le misure previste nel Paese c’è un Fondo speciale fiere da 600 milioni di euro che consente agli enti organizzatori di coprire fino all’80% dei costi di preparazione in caso di annullamento dovuto al Covid. Per le piccole e medie imprese fondate da più di dieci anni che espongono nelle fiere internazionali in Germania è invece previsto un sostegno fino a un massimo di 12.500 euro per i costi di affitto o di costruzione dello stand. L’incentivo è partito a ottobre per la partecipazione a 19 fiere e sarà attivo fino a fine 2022 (per circa 60 manifestazioni).

Espositori internazionali cruciale per la ripartenza

Il prossimo anno, ammette il numero uno di Auma, «molto probabilmente non raggiungeremo i risultati eccellenti del periodo pre-Covid e ad oggi è difficile fare previsioni. Nel corso del primo trimestre ci aspettiamo una ripresa graduale a causa delle restrizioni ai viaggi internazionali ancora esistenti e alle interruzioni nelle catene di fornitura, mentre nel secondo semestre riteniamo possibile un recupero più significativo. Una cosa è chiara: le manifestazioni fieristiche sono sicure ed essendo spazi di incontro per la business community sono controllabili. A riprova dell'impegno del nostro settore è stata la disponibilità a mettere a disposizione le strutture per i centri vaccinali». Ora, precisa, «il ritorno di espositori e visitatori internazionali sarà cruciale». Nel 2019 i primi rappresentavano il 60% del totale, mentre un visitatore su tre dei 10 milioni che negli anni pre-pandemia partecipavano alle manifestazioni in Germania proveniva da un Paese estero. «Per questa ragione – conclude Holtmeier – chiediamo che tutti i vaccini riconosciuti dall'Organizzazione mondiale della Sanità abbiano valore anche da noi».

L’indagine Ifo

Secondo una recente indagine Ifo su un panel di oltre 2mila espositori le fiere in presenza saranno un fattore determinante per l’attività del settore anche in futuro ma continueranno ad essere affiancate da eventi virtuali collaudati durante la pandemia. Una formula “phygital” destinata a essere utilizzata anche in futuro. Secondo i dati di Auma le imprese tedesche spendono circa il 48% del loro budget per il marketing per l’organizzazione di fiere, essenziali per trovare clienti e partner.

.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti