Sport

Fifa, Platini: "Un complotto contro di me per la presidenza Fifa"

a cura di Datasport

1' di lettura

Michel Platini torna a parlare e usa toni molto duri riguardo alla sua vicenda personale. "È stato tutto un complotto per impedirmi di diventare il presidente della Fifa", dice in un'intervista al magazine Marianne.  Il riferimento è alla squalifica , ridotta a 4 anni dal Tas e poi confermata dal Tribunale federale svizzero, che sta scontando per aver intascato nel 2011, dall'ex presidente Fifa Blatter, due milioni di franchi svizzeri. La somma si riferiva a una consulenza svolta per la Federazione fra il '98 e il 2002, senza che vi fosse alcun contratto scritto. Platini ha presentato nello scorso gennaio un nuovo ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo in attesa di giudizio. Intanto il francese non si risparmia: "Devo difendermi da tutti questi imbroglioni. Non accetto di essere sconfitto pur non avendo fatto nulla. Chi sono questi clown che mi hanno impedito di lavorare per quattro anni nel calcio?".   Poi Platini attacca anche le televisioni. "Se oggi mi chiedessero di tornare nel calcio, farei il presidente di un canale tv, avrei più potere del presidente Uefa. Sono le tv che oggi decidono quando si giocano le partite, giorno e ora, e adesso le arbitrano anche". Il riferimento, nemmeno velato, è all'introduzione della Var. Per il Mondiale russo, Platini non prevede alcun boicottaggio: "Dovremmo privare i ragazzi russi di una Coppa del Mondo perché a livello politico le autorità non sono all'altezza delle aspettative occidentali? Non credo".

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti