ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGli aiuti alle famiglie

Figli in isolamento fiduciario: scaduti i congedi Covid al 50% per i genitori

L’Inps conferma che i congedi Covid 2021 per i dipendenti del settore privato con figli sotto i 14 anni potevano essere fruiti fino al 30 giugno scorso

di Michela Finizio

Scuola, Bianchi: "Pronti a un ritorno in presenza in sicurezza"

2' di lettura

Non è più possibile chiedere il congedo parentale straordinario, retribuito al 50%, per assistere il figlio minore di 14 anni oppure disabile grave (in questo caso senza limiti di età) in quarantena o in Dad. Si apre così l’anno scolastico 2021/2022, senza coperture particolari per i genitori che lavorano, entrambi non in modalità agile, e che si trovano a dover affrontare l’isolamento fiduciario di uno dei figli, perché affetto da Covid-19 o entrato in contatto diretto con un positivo, infine a causa di eventuali sospensioni dell’attività didattica in presenza.

I numeri sui congedi Covid 2021

L’Inps conferma che i congedi Covid 2021 per i dipendenti del settore privato con figli sotto i 14 anni potevano essere fruiti fino al 30 giugno scorso. Finora ne hanno beneficiato circa 275mila lavoratori. Erano stati reintrodotti in fretta a marzo, con l’articolo 2 del Dl 30/2021, per dare risposte alle tante famiglie travolte in quei mesi dalle sospensione delle attività scolastiche imposte per contenere i contagi: i congedi straordinari erano scaduti a fine 2020, tanto che la misura fu reintrodotta in modo retroattivo, coprendo anche i periodi concessi da gennaio, con uno stanziamento complessivo di 282,8 milioni di euro per il 2021.

Loading...

Il ricorso alla quarantena

E oggi l’inizio delle attività scolastiche senza “ombrelli” per le famiglie sembra un déjà vu. Forse si dovrà intervenire in corsa come in passato, anche se sono in tanti a sperare che quest’anno, tra l’obbligo di green pass per il personale scolastico e la quarantena ridotta a 7 giorni per gli studenti vaccinati oltre i 12 anni, si riducano drasticamente le chiusure delle classi disposte per quarantena a fronte di un caso positivo. In ogni caso bisogna ricordare che per asili nido, scuole dell’infanzia e scuole primarie (dove gli studenti non sono vaccinati) la quarantena per i bambini resta di 10 giorni e la chiusura della classe, in presenza di un positivo, rappresenta ancora l’unica arma per evitare che il contagio si trasformi in un focolaio.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti