Vaccinazione eterologa

Figliuolo: «100mila italiani hanno dubbi sul mix di vaccini». In una settimana somministrazioni in calo dell’11%

Il commissario chiede alle Regioni di fornire entro il 15 luglio le cifre degli over 60 che rifiutano di vaccinarsi

di Riccardo Ferrazza

Figliuolo: "Anticipo dosi? Se c'e' si velocizza ma decide Ue"

3' di lettura

La campagna vaccinale è alla prese con il cambio in corsa provocato dal nuovo caso Astrazeneca, vaccino bloccato per gli under 60 che impone il passaggio a un farmaco a tecnologia mRna (Moderna o Pfizer) per chi ha già ricevuto la prima dose. «Probabilmente ci sono circa 100mila persone che hanno dei dubbi» sulla vaccinazione eterologa ha riconosciuto il commissario per l’ emergenza Covid , Francesco Figliuolo. Si tratta di circa il 10% dei 950mila cittadini con meno di 60 anni che hanno fatto la prima dose di Astrazeneca e sono in attesa della seconda.

Dosi in calo dell’11%

L’obiettivo ribadito da Figliuolo «è essere costanti sulle 500mila» somministrazioni quotidiane. Nell’ultima settima (12-18 giugno) si è registrato però un arretramento. Il numero di dosi iniettate - come si evidenzia dai dati disponibili su Lab24 - è sceso dell’11% rispetto ai 7 giorni precedenti: da una media di 582.055 dosi al giorno si è passati a 518.096. Il picco si è raggiunto sabato 5 giugno (614.244), il minimo è stato il 13 giugno (domenica) con appena 421.325 inoculazioni.

Loading...

Un calo dovuto in gran parte ad AstraZeneca: il vaccino, arrivato quasi alla soglia ei 10 milioni di somministrazioni complessive da inizio campagna, ha segnato un arretramento del 55%. Crescono le scorte ferme in frigorifero del vaccino sviluppato a Oxford: il tasso di utilizzazione è sceso di 3 punti (dall’87% all’84%).

Lazio: 2mila contrari al mix di vaccini

Un «assestamento» di cui ha parlato lo stesso Figliuolo dietro il quale si nasconde il disorientamento di molti di fronte all’ennesimo cambio delle raccomandazioni sull’uso di AstraZeneca. «Abbiamo posto un quesito al ministero della Salute - ha detto l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato - per sapere come comportarci con i circa 2mila nostri concittadini che non hanno, a oggi, accettato il mix e che di conseguenza non hanno ancora completato il percorso vaccinale. A loro abbiamo il dovere di dare una risposta, non possono rimanere nel limbo. Attendiamo il riscontro dal ministero». Il Lazio

Ho appena firmato una lettera per dire alle regioni di continuare a cercare in maniera attiva gli over 60. Ad oggi ne mancano ancora 2,8 milioni

Commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo

Il commissario: entro il 15/7 numeri di over 60

Accanto alla diffidenza verso la vaccinazione eterologa, c’è quella dimostrata dai più anziani che finora si sono sottratti alla profilassi anti-Covid. Figliuolo ha fatto sapere di aver «firmato una lettera per dire alle regioni di continuare a cercare in maniera attiva gli over 60. A oggi ne mancano ancora 2,8 milioni». Nella lettera il commissario alle Regioni «di continuare ad attuare in maniera più incisiva il metodo di raggiungimento attivo di questi cittadini, provvedendo a prenotare gli aderenti» e comunicando alla struttura commissariale «entro il 15 luglio» il numero di soggetti «impossibilitati ad aderire alla campagna vaccinale per motivi sanitari» o «che hanno manifestato la volontà di non aderire». Figliuolo sottolinea che «l’andamento della campagna vaccinale sulle fasce di età over 60 mostra una flessione nelle ultime due settimane, in concomitanza con l’estensione della vaccinazione a fasce di età più facilmente raggiungibili o agevolate dal modello vaccinale degli hub».

A Napoli chiusi 2 hub

Segnali di rifiuto alla profilass anti-Covid arrivano da alcune Regioni. Il 17 giugno in Sicilia sono state appena 37 le prime dosi di AstraZeneca somministrate ad over 60. A Napoli sono stati chiusi due hub vaccinali (Fagianeria e Museo Madre): «Non perché manchino i vaccini - ha spiegato Ciro Verdoliva, direttore generale dell’Asl Napoli - ma perché mancano le persone da vaccinare. Siamo poco oltre il 60% della popolazione vaccinata ma le altre non aderiscono».

Bertolaso: in Lombardia numero fisiologico di defezioni

In Lombardia le vaccinazioni eterologhe sono partite giovedì 17 giugno ma per il coordinatore della campagna vaccinale della regione, Guido Bertolaso, «non si sono registrate difficoltà». Sul totale complessivo delle persone prenotate tra lunedì 14 e giovedì 17 (circa 400mila), infatti, non si sono presentate 11mila persone. «Si tratta di un numero assolutamente fisiologico e legato più che altro a motivi diversi dal richiamo con un altro vaccino - ha commentato Bertolaso -. Non vi sono state reazioni negative al medico che informava gli under 60 sulla vaccinazione eterologa - ha concluso Bertolaso nel corso di un punto stampa sulle vaccinazioni anti-Covid in Lombardia - e nella stragrande maggioranza dei casi c’è stata una totale adesione».

Fedriga: c’è un rallentamento, bisogna fugare dubbi

Il presidente del Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, ha fatto sapere: «Negli ultimi giorni stiamo vedendo un rallentamento» nella somministrazione delle dosi «perché chi voleva vaccinarsi si è prenotato subito, chi aveva qualche dubbio ha rallentato un po’. Ora dobbiamo fugare i dubbi anche a coloro che non si sono prenotati».

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e delle azioni di contrasto è mostrato in due mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia di nuovi casi, morti, ricoverati e molte infografiche per una profondità di analisi.
La mappa dei vaccini in tempo reale mostra l’andamento della campagna di somministrazione regione per regione in Italia e anche nel resto del mondo.
Guarda le mappe in tempo reale: Coronavirus - Vaccini

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi, di saperne di più dall’andamento alle cause per proseguire con i vaccini. Su questi temi potete leggere le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Ecco tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui potete iscrivervi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti