Le nuove linee guida

Figliuolo alle Regioni: sui vaccini aumentare il contributo di medici e farmacisti

L’invito del commissario alle Regioni nelle nuove linee guida: da hub nazionali a “dosi delocalizzate” per raggiungere fragili e over 80 rimasti fuori dalla campagna

di Riccardo Ferrazza

Coronavirus: bollettino del 21 maggio 2021

4' di lettura

Aumentare «in modo graduale» il coinvolgimento di medici di base, pediatri, farmacisti ed altri operatori del Servizio sanitario nazionale nelle vaccinazioni: è l’indicazione che arriva alle Regioni dal commissario all’emergenza Covid Paolo Figliuolo. L’invito è contenuto nelle nuove “Linee guida sulla prosecuzione della campagna di vaccinazione nazionale” in cui si sottolinea come «in previsione di eventuali ulteriori richiami» si dovrà uscire da soluzione emergenziali (cioè il ricorso ai grandi hub regionali) per riportare l'attività di immunizzazione all’interno del Ssn.

Venerdì 21 maggio Figliuolo aveva richiamato i “governatori” a non perdere di vista il focus della campagna: «Soggetti fragili, over 60 e cittadini che presentano comorbilità» categorie che non sono «state messe completamente in sicurezza». Dal report settimanale delle vaccinazioni in Italia risulta che le persone sopra gli 80 anni ancora in attesa della prima dose sono 472.202, mentre salgono a 1.235.713 nella fascia d’età 70-79 anni. Numeri in diminuzione rispetto ai sette giorni precedenti ma che comunque segnalano una difficoltà a completare la prima fase dell’immunizzazione di massa. Una missione alla quale sono ora chiamati a contribuire anche i medici di base e le farmacie, perno di «un sistema di “vaccinazioni delocalizzate” molto più capillare e prossimo ai cittadini» in grado di raggiungere chi non è riuscito a vaccinarsi e convincere chi non ha aderito per diffidenza e paura.

Loading...

Le nuove linee guida: medici e farmacie per vaccinare

Nel documento sulle nuove linee guida della campagna di vaccinazione Figliuolo invita le Regioni ad «aumentare in maniera graduale» il contributo assicurato da medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, farmacisti ed altri operatori del Servizio sanitario nazionale alle «vaccinazioni giornaliere, mantenendo, in una fase intermedia e di transizione dello sviluppo del piano, completamente operativi gli hub vaccinali».

Nella fase 2, richiami nelle strutture ordinarie del Ssn

«In una fase successiva - si legge nel documento -, in previsione di eventuali ulteriori richiami, si dovrà valutare la possibilità di ricondurre l’attività vaccinale quanto più possibile nell’alveo di tutte le strutture ordinarie del Ssn arrivando a coinvolgere la totalità dei medici, pediatri, farmacisti ed altri operatori del Ssn, al fine di realizzare un sistema di vaccinazione sostenibile e stabile nel tempo, senza dover ricorrere a misure emergenziali».

Da hub a vaccinazioni “delocalizzate”

La transizione verso una fase 2 sarà caratterizzata dal «graduale passaggio da vaccinazioni effettuate in maniera centralizzata presso gli hub vaccinali verso un sistema di “vaccinazioni delocalizzate”, molto più capillare e prossimo ai cittadini, permetterà di completare l’immunizzazione delle categorie più fragili, degli over 80, dei cittadini con comorbilità e ridotta mobilità, non ancora completamente intercettati dalla attuale modalità organizzativa e che potranno essere raggiunti a domicilio o in luoghi ad esso prossimi».

Farmacie: nel Lazio si parte a giugno

Le rete delle farmacie è già pronta a dare il proprio contributo. Sono 20mila i farmacisti che hanno completato i corsi teorici dell’Istituto superiore di Sanità per vaccinare contro il Covid e altri 3mila li concluderanno a breve. L’adesione dei farmacisti al protocollo d’intesa con il ministero della Salute, ha fatto sapere Federfarma, è stata del 60%. Nel Lazio si partirà ai primi di giugno ma le prenotazioni saranno aperte il 24 maggio sulla piattaforma regionale dedicata. Le persone che sceglieranno di farsi inoculare la dose singola di Johnson&Johnson - l’unico a disposizione delle farmacie - prenderanno l’appuntamento sulla piattaforma della Regione che indicherà il giorno dell'appuntamento e invierà un sms. Con il passaggio successivo bisognerà fare una telefonata alla farmacia scelta per avere l'indicazione dell'orario in cui presentarsi.

Dai farmacisti a regime 150mila dosi al giorno

E le altri Regioni? «Si stanno preparando ma ancora non hanno comunicato la data di inizio» spiega il vicepresidente nazionale di Federfarma Alfredo Procaccini. «Nella fase iniziale - aggiunge Procaccini - le farmacie avranno a disposizione 10 dosi al giorno per cinque giorni a settimana, così come è previsto nel’accordo con il ministero della Salute. Successivamente si passerà a 20 vaccini al giorno per singola farmacia. A regime si avrà una media di 18mila dosi al giorno solo nella Regione Lazio, mentre a livello nazionale saranno 150mila».

Medici di base per raggiungere i fragili non vaccinati

I medici di base hanno lamentato di essere stati marginalizzati nella prima fase della campagna vaccinale e rivendicano la loro capacità di “recuperare” chi non può o non riesce a prenotarsi. Il loro coinvolgimento viene ora sollecitato da Figliuolo nelle nuove Linee guida della camogna vaccinale.

L’ausilio della rete dei medici di famiglia potrebbe risultare decisiva in particolare per raggiungere i cosiddetti “fragili” che ancora non risultano vaccinati. A questo scopo la Federazione italiana dei medici di medicina generale e Cittadinanzattiva con la collaborazione di Walter Ricciardi hanno realizzato un software in grado di individuare questi soggetti. L’algoritmo (sviluppato da NetMedica Italia, la società informatica di Fimmg, e il Dipartimento di ingegneria informatica dell’Università politecnica delle Marche), applicato ai database dei medici di famiglia, è in grado di fornire indicazioni che supportano il medico a stabilire la priorità nell'esecuzione della vaccinazione.

Infermieri, vaccini a domicilio per i fragili

Per le vaccinazioni domiciliari per i più fragili scendono in campo infermieri e infermieri pediatrici. Il ministero della Salute, Regioni e Fnopi (Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche) hanno sottoscritto un protocollo d'intesa che, basandosi sulla possibilità di deroga all'esclusiva per gli infermieri dipendenti prevista nel decreto Sostegni, prevede che tutti gli infermieri svolgano, con adozione di adeguato triage prevaccinale, il servizio di vaccinazione al domicilio dei soggetti che hanno difficoltà a muoversi per raggiungere i siti vaccinali.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e delle azioni di contrasto è mostrato in due mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia di nuovi casi, morti, ricoverati e molte infografiche per una profondità di analisi.
La mappa dei vaccini in tempo reale mostra l’andamento della campagna di somministrazione regione per regione in Italia e anche nel resto del mondo.
Guarda le mappe in tempo reale: Coronavirus - Vaccini

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi, di saperne di più dall’andamento alle cause per proseguire con i vaccini. Su questi temi potete leggere le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Ecco tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui potete iscrivervi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti