L’identikit

Filiera e tracciabilità, l’innovazione spinge il food made in Italy

La grande attenzione agli aspetti legati alle attività sociali porta le imprese virtuose fra i Leader della sostenibilità Statista-Sole 24 Ore

di Micaela Cappellini

(REUTERS)

3' di lettura

Per la filiera agroalimentare, dal campo fino alla tavola, sostenibilità è oggi sempre più la parola d’ordine. Lo chiede l’Unione europea, con il Green deal e la strategia Farm to fork, che impongono una riduzione entro il 2030 del 50% dei pesticidi, del 20% dei fertilizzanti e del 50% degli antibiotici negli allevamenti. E lo suggerisce anche il Recovery Plan, che darà concretamente un supporto economico a chi investirà in innovazione sostenibile. Il comparto food & beverage è stato tra i primi a scommettere sulla sostenibilità. Non a caso vede diverse imprese fra i Leader della sostenibilità 2021 Il Sole 24 Ore - Statista.

Tra i grandi gruppo che ci credono da tempo c’è Barilla, che per promuovere gli obiettivi sanciti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite nel 2009 ha dato vita a una vera e propria fondazione. Il gruppo di Parma investe sulla filiera made in Italy del grano e di altri ingredienti di qualità, incentiva le pari opportunità ed è stato insignito del Welcome award dell’Onu per aver assunto rifugiati e averli integrati in diversi Paesi in cui opera.

Loading...

Tra gli annunci più recenti, in ordine di tempo, c’è invece quello di illycaffè, che è appena entrata nel club B Corp delle aziende che si impegnano a rispettare i più alti standard di performance sociale e ambientale. La filiera sostenibile di illycaffè si basa su un sistema di relazioni dirette con i propri fornitori di arabica, cui riconosce prezzi superiori a quelli medi di mercato in cambio dell’impegno ad aumentare gli standard di qualità.

Sempre nel campo del caffè, anche Lavazza ha una sua fondazione per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030. Inoltre, l’anno scorso l’azienda di Torino ha lanciato il progetto “Roadmap to Zero”, che dovrà portare il gruppo alla completa neutralizzazione del proprio impatto carbonico entro il 2030 con un investimento, solo per il biennio 2020-2021, di circa 50 milioni di euro.

Per aumentare la sostenibilità del suo olio l’umbra Monini ha puntato tutto sull’innovazione, dalle tecnologie per l’agricoltura di precisione che permettono di non sprecare l’acqua fino alla tracciabilità dei prodotti dal campo alla tavola. La marchigiana Fileni, invece, ha investito sul packaging riciclabile, sull’abbattimento dei costi di trasporto e sull’obiettivo di arrivare al 100% di energia provenienti da fonti rinnovabili. Le sue carni, inoltre, sono allevate senza il ricorso agli antibiotici e i mangimi utilizzati negli allevamenti sono tutti non Ogm.

A marzo il colosso del latte Granarolo ha presentato #bontàresponsabile, il piano strategico pluriennale tutto imperniato sul 12esimo goal dell’Agenda 2030 dell’Onu: il primo effetto concreto è stato il lancio della nuova confezione di latte fresco che riduce la plastica del 16% e utilizza per il 25% Pet riciclato. Con queste nuove confezioni Granarolo conta di risparmiare 440mila chili di plastica all’anno, con una riduzione di almeno 1.600 tonnellate di CO2, equivalenti all’anidride carbonica assorbita da 72mila piante.

Le conserve La Doria, invece, hanno appena ottenuto da Intesa Sanpaolo un finanziamento agevolato da 10 milioni finalizzato al raggiungimento di specifici target di sostenibilità: serviranno a migliorare la catena di fornitura e le condizioni di lavoro dei dipendenti, oltre che ad alleggerire l’impatto ambientale delle produzioni.

Il gruppo Orsero ha concentrato il suo impegno sulla ricerca di un packaging sempre più sostenibile per la sua frutta, e ha siglato una partnership con il Banco Alimentare per combattere lo spreco di cibo. Il produttore di alimenti gluten free Andriani ha aderito al Global compact Onu. Infine, anche il mondo degli alcolici si impegna nella sostenbilità: Campari, per esempio, ha ridotto consumi energetici ed emissioni. Mentre Branca si è concentrata soprattutto sulla sostenibilità sociale: le pari opportunità sono promosse attivamente, a partire da una presenza di donne nel Cda al 40%, mentre per i dipendenti è attivo un piano di welfare che spazia dall’assistenza sanitaria integrativa al rimborso per i centri estivi dei figli, fino a un premio per gli esami universitari superati.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti