a bologna

Filiere sostenibili e contenitori green: al via Marca, la fiera della private label

Salgono i ricavi dei prodotti a marchio Gdo, ma i clienti chiedono sempre più attenzione all’ambiente. E le grandi catene si adeguano

di Enrico Netti


default onloading pic

2' di lettura

Good bye plastica, largo ai contenitori compostabili. Questo l’imperativo dell’edizione 2020 di Marca by BolognaFiere, manifestazione dedicata ai prodotti a marchio del distributore che apre a Bologna il 15 di gennaio. I clienti della Gdo sempre più chiedono prodotti con un minore impatto ambientale e, secondo una ricerca Nielsen, due italiani su tre cambiano le proprie abitudini scegliendo prodotti e confezioni green mentre uno su due dice di essere a favore della plastic tax.

È in arrivo una nuova generazione di packaging impiegabili dall’industria alimentare realizzati con materiali biodegradabili e compostabili. I partner di Novamont che produce Mater-Bi presentano nuove linee di contenitori e imballaggi certificati e in linea con gli standard internazionali. Per esempio la Nicoletti Cartotecnica in collaborazione con Polycart commercializza la carta da banco accoppiata con la pellicola in Mater-Bi conforme per il contatto con tutti i generi di alimenti. I contenitori in polistirolo per la carne si possono sostituire con vaschette in Mater-Bi e pura cellulosa in grado di assorbire il siero rilasciato dalla carne.

Per gli snack e i prodotti da forno Novamont in collaborazione con Saes Group hanno sviluppato soluzioni con permeabilità a gas e vapore destinati a sostituire le pellicole non riciclabili. Le reticelle in plastica per frutta e verdura sono sostituibili con quelli in materia prima rinnovabile che possono finire nella differenziata dei rifiuti organici. Per la Gdo vengono prodotte stoviglie usa e getta ora compostabili. La bolognese Ilip ha creato la linea Bio di contenitori e stoviglie in Mater-Bi. I piatti, in particolari, sono adatti alle alte temperature. Il gruppo veneto Dopla realizza in Italia piatti e bicchieri anche colorati e sta sviluppando le posate biodegradabili.

Sul conto economico delle catene il peso delle private label cresce. Per Conad il giro d’affari ha toccato i 4 miliardi, con un +8% sull’anno precedente. Conad dichiara di avere «la leadership con una quota del 13,3% sul totale mercato e del 22,8% sul canale supermercati». Con la private label, la market share dichiarata nel largo consumo confezionato è del 30,3% anche grazie a un’assortimento che conta quasi 4mila prodotti. Da parte sua Coop realizza con i prodotti a marchio proprio circa 3 miliardi di ricavi (+1% sul 2018) ed ha una quota sul totale delle vendite di oltre il 30%. La cooperativa dei consumatori si distinque per l’offerta molto ricca, oltre 4.500 prodotti in assortimento, dove i prodotti bio, i gastronomici e salutistici crescono a due cifre. Si avvicina al miliardo il Gruppo Selex. Le vendite delle private label, oltre 5mila i prodotti del gruppo, sono intorno ai 950 milioni, +6% sul 2018. Nei prossimi mesi debutteranno altri 420 prodotti e Selex punta a superare il miliardo di ricavi nel 2020.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...