I FILM DEL FINE SETTIMANA

«The Vigil», inquietante horror dalle atmosfere allucinatorie

Arriva nelle sale il nuovo film prodotto dalla BlumHouse, casa specializzata in pellicole dell'orrore. Di tutt'altro genere è il francese «Chiamate un dottore»

di Andrea Chimento

default onloading pic

Arriva nelle sale il nuovo film prodotto dalla BlumHouse, casa specializzata in pellicole dell'orrore. Di tutt'altro genere è il francese «Chiamate un dottore»


3' di lettura

Al termine di un'estate povera di uscite, gli appassionati di cinema horror possono rifarsi con «The Vigil», esordio dietro la macchina da presa di Keith Thomas.


Se il nome del regista non dice molto, ben più celebre è quello della casa di produzione, la BlumHouse, ormai un punto di riferimento per i film americani di genere horror.Facendo leva soprattutto su film a basso budget, che poi si sono rivelati dei grandi trionfi al botteghino (da «Paranormal Activity» a «La notte del giudizio», passando per «Sinister» e per film di M. Night Shyamalan come «The Visit» e «Split»), la casa fondata da Jason Blum nel 2000 ha scoperto molti nuovi talenti e quest'anno aveva già realizzato un titolo molto interessante come «L'uomo invisibile».

Protagonista di «The Vigil» è Yakov, un ragazzo che riceve da un rabbino l'offerta di fare lo shomer, che nella cultura ebraica indica una persona che veglia su una salma fino al momento della sepoltura. Yakov accetta così di sorvegliare il cadavere di uomo per una notte, ma nell'abitazione con lui c'è anche la vedova che soffre di demenza senile e qualcos'altro che scoprirà molto presto.Fin dal soggetto di partenza, si capisce come siamo di fronte a un classico esempio di film horror, che giocherà con gli stereotipi del genere: la claustrofobia, la presenza di entità malvagie, il buio della notte e l'attesa per un'alba che sembra non arrivare mai.

Indubbiamente la base narrativa è molto semplice e sa di già visto, ma Keith Thomas dimostra un buon talento per un esordiente, dando vita a una messinscena più matura di quello che ci si potesse aspettare.

Spaventi ben assestati

Nonostante la basilarità del racconto di partenza, gli aspetti religiosi della vicenda offrono alla narrazione un certo spessore e arricchiscono il copione di alcuni riusciti colpi di scena.

Il film gioca molto sui traumi e sul senso di colpa del protagonista, a tratti in maniera un po' troppo scolastica, ma il personaggio principale riesce comunque a interessare fino alla fine, risultando inoltre piuttosto credibile.Anche grazie a un efficace apparato sonoro, «The Vigil» centra il suo obiettivo principale: spaventare. Se i classici jump-scare sono ben assestati, il film inquieta però soprattutto per un'atmosfera più sottile, perturbante, che va a collegarsi direttamente con la psicologia del personaggio principale.

Efficace prova del protagonista Dave Davis, ma la performance più importante è quella di Lynn Cohen nei panni della vedova: famosa per il ruolo di Golda Meir in «Munich» di Steven Spielberg, l'attrice è venuta a mancare lo scorso febbraio all'età di 86 anni e quella di «The Vigil» è stata una delle ultime produzioni a cui ha partecipato.

Chiamate un dottore

Film completamente diverso è la commedia francese «Chiamate un dottore» di Tristan Séguéla.Ambientato durante la Vigilia di Natale, vede protagonista un medico costretto a lavorare anche quella sera, mentre i suoi colleghi si sono tutti defilati. Nel suo andare da un paziente all'altro, fa però un incidente che non gli permette di proseguire: dato che non ci sono medici disposti a prendere il suo posto, dovrà puntare su un sostituto decisamente originale.Film leggero e capace di strappare più di una risata, «Chiamate un dottore» parte col piglio giusto e con un buon brio narrativo, salvo poi risultare troppo ripetitivo nella seconda parte.La formula del “sostituto improvvisato” è un grande classico che funziona sempre, anche se il gioco è bello quando dura poco e una certa prolissità di fondo impedisce al film di coinvolgere e divertire fino alla fine.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti