I FILM DEL FINE SETTIMANA

«Wasp Network»

Su Netflix è arrivato l'ultimo lungometraggio del celebre regista francese Olivier Assayas. Tra gli interpreti Penélope Cruz, Gael García Bernal e Ana de Armas

di Andrea Chimento

default onloading pic

Su Netflix è arrivato l'ultimo lungometraggio del celebre regista francese Olivier Assayas. Tra gli interpreti Penélope Cruz, Gael García Bernal e Ana de Armas


3' di lettura

Grandi autori ancora protagonisti su Netflix: dopo «Da 5 Bloods» di Spike Lee, sulla celebre piattaforma è arrivato anche l'ultimo lungometraggio del regista francese Olivier Assayas, «Wasp Network».

Presentato in concorso alla Mostra di Venezia 2019, il film si apre a Cuba, all'inizio degli anni Novanta, quando René González, pilota di linea, ruba un aereo e fugge dal Paese, lasciando moglie e figlia. Comincia così una nuova vita a Miami, presto raggiunto da altri dissidenti cubani, tutti impegnati nella destabilizzazione del regime di Castro.Ispirato a una storia vera, «Wasp Network» è un lungometraggio politico, che può ricordare diverse pellicole d'altri tempi. Si tratta infatti di un tipico esempio di spy-movie, con una rete di intrighi, segreti e bugie che coinvolgono numerosi personaggi e, di conseguenza, i loro familiari.Il soggetto è accattivante e gli spunti narrativi non mancano, così come funziona la caratterizzazione delle tante figure in scena, ma il copione alla lunga risulta un po' macchinoso e la parte centrale troppo ridondante perché il film coinvolga come dovrebbe.

Cast ricchissimo

Manca un pizzico di fluidità, seppur Assayas sia sempre una sicurezza in cabina di regia e nella scrittura dei personaggi.Sicuramente «Wasp Network» non figura tra le opere migliori dell'autore transalpino, che in carriera ha firmato pellicole come «L'eau froide», «Qualcosa nell'aria», «Sils Maria» o l'ottima miniserie «Carlos». Eppure, nonostante i limiti di cui sopra, anche quest'ultimo lavoro è un film da vedere, capace di incuriosire e affascinare.Il merito va anche a un cast ricchissimo, che comprende Penélope Cruz, Gael García Bernal, Edgar Ramirez, Wagner Moura, Ana de Armas e Leonardo Sbaraglia.

Dopo il matrimonio

Un fascino che manca totalmente a «Dopo il matrimonio», film diretto da Bart Freundlich, nonché remake dell'omonimo lungometraggio danese di Susanne Bier del 2006.Protagonista è Isabel, dirigente in un orfanotrofio in India, che vola fino a New York per incontrare Theresa, ricchissima e potenziale benefattrice. La donna la invita a trattenersi e festeggiare insieme le nozze di sua figlia: timorosa di perdere il finanziamento, Isabel accetta l'invito, ma ignora ciò che l'aspetta. Quando incontra il marito di Theresa, Isabel capisce di essere finita al centro di un gioco per nulla casuale: l'uomo, infatti, è una sua vecchia fiamma.Sostanzialmente identico al film originale, questo remake giustifica furbescamente la sua ragion d'essere mettendo una donna come protagonista al posto di un uomo e invertendo quindi di conseguenza il sesso dei vari personaggi principali.Troppo poco per giustificare un rifacimento, per di più vittima di eccessi retorici e di una messinscena forzata e incapace di appassionare.Si salvano soltanto Michelle Williams (Isabel) e Julianne Moore (Theresa), che confermano la loro bravura anche in una pellicola deludente come questa.

Una scena del film «Dopo il matrimonio»

L'amore a domicilio

Una breve menzione inoltre per il film italiano «L'amore a domicilio» di Emiliano Corapi, arrivato su Amazon Prime Video.Al centro della storia c'è Renato che conosce un po' per caso Anna, ragazza attraente che si trova agli arresti domiciliari per una rapina. Affascinato da lei, Renato decide di frequentarla nonostante tutto.Commedia romantica decisamente fragile, «L'amore a domicilio» finisce presto le sue carte da giocare e non riesce a intrattenere nel modo giusto. Troppo grossolani il copione e la scrittura dei personaggi in questa pellicola che, al di là del curioso spunto di partenza, non ha sostanzialmente altro di interessante da regalare.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti