I FILM DEL FINE SETTIMANA

«Imprevisti digitali», i pericoli della tecnologia in una divertente commedia francese

Nel weekend in sala arriva il nuovo film di Benoît Delépine e Gustave Kervern. Tra le novità, anche «La vita straordinaria di David Copperfield»

di Andrea Chimento

default onloading pic
Imprevisti digitali

Nel weekend in sala arriva il nuovo film di Benoît Delépine e Gustave Kervern. Tra le novità, anche «La vita straordinaria di David Copperfield»


2' di lettura

Weekend all'insegna del divertimento nelle sale con «Imprevisti digitali», nuova pellicola di Benoît Delépine e Gustave Kervern. I due registi francesi sono soliti farci sorridere con intelligenza, grazie a film come «Louise-Michel» (2008) e «Saint Amour» (2016) e proseguono con coerenza il loro percorso cinematografico con questo nuovo progetto: al centro della trama ci sono un uomo e due donne che rimarranno vittime dei social media e della tecnologia. A differenza di tanti altri, però, non staranno a guardare e proveranno a reagire con tutte le loro forze.


Parlano di temi di stretta attualità Delépine e Kervern, seppur dal punto di vista prettamente contenutistico le riflessioni proposte non siano abbastanza originali per poter colpire e scuotere come vorrebbero.D'altra parte, però, «Imprevisti digitali» funziona proprio nei suoi aspetti più leggeri, quando riesce a non prendersi troppo sul serio e dare libero sfogo a dialoghi incisivi e momenti semplicemente godibili.Molto efficace è, in particolare, la caratterizzazione dei vari personaggi in scena, ben interpretati da un cast in ottima forma: su tutti svetta Denis Podalydès, attore che dà sempre il meglio di sé in ruoli leggeri, ma gli tengono perfettamente testa le due co-protagoniste Blanche Gardin e Corinne Masiero.

Va infine evidenziato che il film soffre di un calo nella seconda parte, ma non abbastanza forte da togliere ritmo e interesse a una pellicola comunque meritevole di essere vista.

La vita straordinaria di David Copperfield

Altrettanto piacevole, ma ancor più sorprendente, è «La vita straordinaria di David Copperfield» di Armando Iannucci, regista scozzese che si era fatto conoscere con «Morto Stalin, se ne fa un altro».

La vita straordinaria di David Copperfield

In questo adattamento coraggioso e innovativo del celebre romanzo di Charles Dickens si punta soprattutto su un registro brillante, colori sgargianti e dinamiche narrative che scelgono di rinnovare con decisione il testo di partenza, pur riuscendo a rispettarne le caratteristiche di base

La vita straordinaria di David Copperfield

Ironia

I tanti passaggi drammatici insiti nel racconto vengo smorzati con ironia, attraverso un'estetica formale capace di essere coerente coi contenuti che Iannucci vuole portare avanti.Non ci sono nella messa in scena guizzi particolari e qualche passaggio è ridondante, ma nel complesso il film funziona ed è sicuramente riuscito, anche e soprattutto per la capacità di coinvolgere fino alla fine.

Meglio del solito l'attore protagonista Dev Patel, affiancato da diversi altri volti noti, tra cui Hugh Laurie e la sempre irresistibile Tilda Swinton.

Hubie Halloween

Prova ad appassionare, ma con esiti meno positivi, anche «Hubie Halloween», film Netflix firmato da Steven Brill e con protagonista Adam Sandler.L'attore americano interpreta un uomo che è considerato lo zimbello della città di Salem, ma durante la notte di Halloween succederà qualcosa di strano e gli altri abitanti dovranno fare affidamento su di lui per salvarsi.

Hubie Halloween

Commedia per famiglia pensata per accompagnare l'arrivo della Notte delle Streghe del 31 ottobre, «Hubie Halloween» è un film che ha poche carte da giocare e finisce presto per risultare prevedibile e ripetitivo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti