I FILM DEL FINE SETTIMANA

«Judas and the Black Messiah», la storia vera del leader delle Pantere Nere

Arriva on-demand l'atteso lungometraggio candidato a numerosi premi Oscar. Tra le novità anche il sudcoreano «Night In Paradise»

di Andrea Chimento

default onloading pic

3' di lettura

Uno dei principali candidati agli Oscar è il grande protagonista della settimana: si tratta di «Judas and the Black Messiah», film disponibile ora on-demand, aspettando di scoprire se sarà tra i trionfatori della notte cinematografica più attesa dell'anno.


Loading...

«Judas and the Black Messiah»

Candidato a sei statuette, tra cui quella per il miglior film, «Judas and the Black Messiah» racconta la vera storia di Fred Hampton, leader del movimento delle Pantere Nere. Ambientata a Chicago alla fine degli anni Sessanta, la pellicola segue il giovane criminale Bill O'Neal, che accetta di agire come informatore per l'FBI infiltrandosi nel gruppo: contribuirà alla tragica fine dello stesso Hampton.

Prodotto da Ryan Coogler (autore di «Black Panther» e di altri lavori particolarmente impegnati), «Judas and the Black Messiah» è il secondo lungometraggio di Shaka King, regista che ha anche contribuito alla sceneggiatura della pellicola.

Se inizialmente il film fatica un po' a carburare, allo stesso tempo è evidente la capacità di crescere alla distanza e di scuotere le coscienze in maniera potente, soprattutto con l'approssimarsi della conclusione.

Film, tutto il meglio per il fine settimana

Film, tutto il meglio per il fine settimana

Photogallery6 foto

Visualizza

Un biopic non convenzionale

Non si tratta del classico biopic su un personaggio noto, ma di un film che ribalta spesso il punto di vista: la figura di Fred Hampton (il “Black Messiah”) è trattata in maniera paritaria rispetto a quella di Bill O'Neal (il suo Judah) ed è proprio questo uno dei punti di forza e di originalità dell'intera operazione.Lo spettatore segue in particolare lo sguardo di quest'ultimo verso un personaggio da cui è, allo stesso tempo, attratto e respinto: O'Neal sembra condividere in parte la visione di Hampton, ma il suo “impegno” con l'FBI lo porterà in tutt'altra direzione.

Shaka King parla del passato per riflettere (anche) sul presente e, pur con qualche passaggio didascalico di troppo, il suo lavoro si può dire riuscito, anche grazie all'ottima prova del cast.

Svetta Daniel Kaluuya nel ruolo di Hampton, tanto da partire in prima fila per l'Oscar come miglior attore non protagonista, dopo aver già vinto il Golden Globe nella medesima categoria.

Night in Paradise

Tra le novità si segnala anche il sudcoreano «Night in Paradise», presentato all'ultima Mostra del Cinema di Venezia. Protagonista è Tae-gu, l'uomo di punta di una gang criminale, che tenta di rifarsi una vita per amore della sorella malata e del nipote. Quando questi ultimi vengono uccisi in un incidente, Tae-gu decide di vendicarsi. Elimina il boss di un'altra gang e fugge lontano, ma qualcosa non andrà per il verso giusto.

Prima di esordire dietro la macchina da presa, il regista Park Hoon-jung si era fatto conoscere per aver scritto la sceneggiatura di «I Saw the Devil», film del suo più celebre collega Kim Jee-woon. Con «New World» del 2013, Park Hoon-jung aveva dimostrato notevole talento anche alla regia, seppur da quel momento in poi non sia più riuscito a confermare le sue doti.Ci riesce, almeno in parte, con «Night in Paradise», film in cui dimostra buone capacità nella gestione dei tempi di montaggio e nelle sequenze più dinamiche.La messinscena è complessivamente efficace e i personaggi sono ben scritti, ma il film sa davvero molto di già visto e soffre la lunga durata complessiva (eccessivi i circa 130 minuti), finendo per risultare un po' prolisso e ridondante.

Genitori vs. Influencer

Del tutto trascurabile è invece il film italiano «Genitori vs. Influencer» di Michela Andreozzi.Al centro un rapporto padre-figlia che si fa sempre più difficile quando la ragazza diventa un vero e proprio ostaggio del suo cellulare, dei social network e degli influencer. Commedia decisamente innocua, «Genitori vs. Influencer» è un prodotto che non riesce a intrattenere come vorrebbe, a causa di troppe battute mal assestate e di un copione generale che risulta poco credibile e ancor meno capace di far riflettere su un tema da non sottovalutare.Pochi i momenti godibili all'interno di un lungometraggio col fiato corto, che si dimentica in fretta al termine della visione.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti