ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùI film del fine settimana

«Elvis», il Re del Rock and Roll protagonista in sala

Al cinema l'attesissimo lungometraggio con Austin Butler e Tom Hanks. Tra le novità anche «California Beats»

di Andrea Chimento

2' di lettura

Uno dei biopic più attesi dell'anno è il film più importante della settimana: «Elvis» di Baz Luhrmann arriva nei nostri cinema dopo la presentazione fuori concorso al Festival di Cannes.
Dopo aver diretto lungometraggi come «Romeo + Giulietta», «Moulin Rouge» e «Il grande Gatsby», il regista australiano punta su uno dei nomi più importanti della scena musicale di ogni epoca e firma un film senza dubbio ambizioso, in cui è di particolare rilevanza il rapporto tra Elvis e il suo manager, protagonisti di un sodalizio artistico di lunga durata. Il film si concentra proprio su questa complessa relazione, a partire dalla crescita della prima rockstar della storia fino al raggiungimento della fama mondiale. Il tutto mentre l’America vive uno sconvolgimento socio-culturale, che la porterà a grandi cambiamenti.

Classica narrazione di un'incredibile ascesa a cui seguono anche brutte cadute, in «Elvis» si sente moltissimo la presenza dietro la macchina da presa di Luhrmann, il cui stile sovrabbondante e stordente traspare soprattutto in una prima parte decisamente brillante, dove la messinscena riesce a trascinare lo spettatore all'interno delle scenografiche performance di Elvis.Col passare dei minuti, però, il racconto si fa più convenzionale e vittima di troppi stereotipi su come si gestisce un film biografico, perdendo un po' dello slancio iniziale.

Loading...
«Elvis» e gli altri film del weekend

«Elvis» e gli altri film del weekend

Photogallery4 foto

Visualizza

Un film godibile ma altalenante

Giocando con le temporalità del racconto, il film adotta un punto di vista interessante, basandosi sui ricordi del colonnello Parker per ricostruire le tappe fondamentali della carriera musicale di Elvis.L'idea è curiosa e non banale, seppur con qualche didascalismo di troppo verso la conclusione.La resa è altalenante, anche a causa di un bombardamento audiovisivo affascinante ma alla lunga faticoso, che prova a nascondere alcuni limiti di una sceneggiatura non sempre coinvolgente. Allo stesso tempo, però, va evidenziato come non fosse affatto semplice fare di meglio con una base narrativa tanto complessa e il risultato è comunque nell'insieme godibile, grazie anche all'ottima prova del protagonista Austin Butler: il giovane attore americano s'impegna moltissimo, mentre meno intenso risulta Tom Hanks nei panni del manager.

California Beats

Tra le novità del weekend c'è anche «California Beats», pellicola diretta da Nabil Ayouch, regista francese di origini marocchine.Protagonista è Anas, ex rapper, che trova un nuovo impiego in un centro culturale dove aiuterà i suoi studenti a liberarsi delle convenzioni sociali tramite il ballo e la cultura hip hop.È un film che gioca tutto sull'energia «California Beats», prodotto che ha come valore principale la buona prova dei tanti giovani attori in scena, per la maggior parte non professionisti, che infondono credibilità all'intera vicenda.Peccato però che la narrazione sappia troppo di già visto e che, paradossalmente, il film fatichi spesso a trovare il giusto ritmo per poter intrattenere come dovrebbe. Qualche interessante spunto iniziale lascia presto spazio a una narrazione troppo convenzionale, nonostante l'efficace caratterizzazione di tutti i personaggi in scena.Presentato in concorso al Festival di Cannes 2021, «California Beats» risulta così un film adatto quasi unicamente agli appassionanti dei generi musicali sopracitati e finisce per offrire meno riflessioni (sul tema dell'integrazione, ad esempio) di quelle che un soggetto del genere avrebbe potuto regalare allo spettatore.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti