affitti brevi

Fimaa, azioni forti per sostenere l’immobiliare

Il settore risente della emergenza coronavirus, soprattutto per gli affitti brevi

di Paola Dezza

default onloading pic
(aFP)

Il settore risente della emergenza coronavirus, soprattutto per gli affitti brevi


1' di lettura

La situazione del mercato real estate a causa del coronavirus risente di un crollo della domanda soprattutto per quanto riguarda l'area residenziale e il segmento degli affitti brevi. Già la scorsa settimana alcune società del settore avevano chiesto un intervento a sostegno del comparto.

«I telefoni all’interno delle agenzie immobiliari del nord Italia hanno smesso di squillare. Gli effetti economici dell'emergenza coronavirus stanno mettendo in ginocchio le agenzie, gli operatori e le loro famiglie. Il mercato immobiliare residenziale e commerciale, non ancora ripresosi dalle difficoltà della crisi economica del 2008, si ritrova ulteriormente penalizzato dall’emergenza sanitaria innescata dalla diffusione del Covid-19» dice Santino Taverna, presidente nazionale Fimaa, Federazione italiana mediatori agenti d’affari, aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia.

Loading...

«In difficoltà è anche il mercato delle locazioni turistiche (inferiori ai trenta giorni): nelle località costiere, lacustri e montane le agenzie immobiliari Fimaa registrano disdette, non solo dalle regioni del nord ma da tutto lo Stivale. A rischio è il 50% del loro fatturato. Mai come oggi gli operatori si ritrovano in grave difficoltà» continua.
Fimaa chiede quindi azioni decisive a sostegno di tutti i player coinvolti nella intera filiera inmobiliare.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati