Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 22 gennaio 2011 alle ore 08:18.

My24
Mirafiori resterà al 100% FiatMirafiori resterà al 100% Fiat

Niente joint venture tra Fiat e Chrysler a Mirafiori: lo stabilimento torinese resterà Fiat al 100%, anche se produrrà come previsto vetture per la consociata americana. La notizia arriva dallo stesso Sergio Marchionne, amministratore delegato di entrambe le aziende; in una conferenza stampa a Detroit con la stampa specializzata straniera, alla domanda «quanto è significativo il fatto che Mirafiori diventerà uno stabilimento Fiat-Chrysler?» ha risposto che «Mirafiori non è proprio uno stabilimento Fiat-Chrysler: è uno stabilimento Fiat che lavorerà sia per Fiat sia per Chrysler; ma la proprietà della fabbrica rimarrà a Fiat».

A Mirafiori verranno prodotte 250-280mila auto l'anno. Ecco i modelli previsti (di Mario Cianflone e Corrado Canali)

La newco "Fabbrica Italia Mirafiori", che assumerà i dipendenti dello stabilimento e investirà 1 miliardo di euro in vista delle future produzioni di Suv Alfa Romeo e Jeep, dovrebbe dunque essere interamente Fiat, così come quella creata a Pomigliano. Il piano annunciato lo scorso 26 novembre prevedeva «la creazione di una joint venture tra Chrysler e Fiat per portare a Torino una nuova piattaforma dagli Stati Uniti»; nella presentazione ai sindacati Marchionne aveva citato indirettamente la Sevel, la joint venture 50-50 che Fiat ha con Peugeot per produrre veicoli commerciali nello stabilimento di Val di Sangro: «Sarebbe la prima volta – aveva detto di Mirafiori – che uno stabilimento Fiat in Italia produce automobili per un'azienda straniera. Finora l'unica joint venture di questo genere riguardava i veicoli commerciali».

L'investimento americano a Mirafiori potrebbe prendere una forma indiretta. La joint venture potrebbe allora essere semplicemente una scatola che acquista le vetture prodotte a Mirafiori e le smista ai due partner. Uno degli schemi possibili è quello che la stessa Fiat ha adottato qualche anno fa con la Ford per la produzione della Ka in Polonia (basata sulla stessa piattaforma della Fiat 500): lo stabilimento Fiat di Tychy sforna le vetture per l'azienda americana, che le paga a prezzo prefissato e si impegna a rilevarne un certo numero; in più, Ford ha anche condiviso una parte dell'investimento. Il fatto che Chrysler non investirà direttamente a Mirafiori non comporterà dunque necessariamente un aggravio finanziario per Torino.

Un meccanismo del genere, chiamato contract manufacturing, è quello che dovrebbe essere adottato per le Lancia e Fiat prodotte in America e destinate al mercato europeo: non ci sarà alcuna joint venture per produrle. La strategia spiegata da Marchionne a Detroit è quella che il manager intende adottare in generale per la gestione dei rapporti fra i due partner: «Credo sia più che probabile che la maggior parte degli impianti sia di Chrysler che di Fiat – ha detto il numero uno del Lingotto – produca in futuro auto per entrambe. Ma la proprietà fisica e legale degli impianti rimarrà separata».

Un altro fattore che sconsiglia l'ipotesi della joint venture produttiva è la situazione specifica di Mirafiori: a fianco alla produzione di Suv per i due partner resterà infatti, solo per il gruppo italiano, quella dell'Alfa Romeo Mito a tre porte e della sua futura versione a cinque porte; quest'ultima era inizialmente prevista anche per gli Usa con il marchio Alfa, ma Marchionne sembra aver intenzione di non spedirla più Oltreoceano. Un ultimo fattore di complessità è il trattamento delle Jeep prodotte a Mirafiori: quelle destinate all'Europa potrebbero finire direttamente nel conto economico dell'azienda italiana, con pagamento di una royalty al gruppo Usa – l'inverso di quello che dovrebbe accadere per le 500 "americane". Tutti dettagli che la squadra di Marchionne dovrà definire nei prossimi mesi.

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi