Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 giugno 2011 alle ore 06:42.

My24


Una nuova tegola cade sul caso Parmalat: la Centrale del Latte di Roma. A più di dieci anni di distanza la ex società pubblica potrebbe tornare in mano del Comune di Roma. Ieri il Tar del Lazio ha stabilito che la Capitale deve riprendersi la società, privatizzata nel 1998 e venduta alla Cirio di Sergio Cragnotti (e poi passata alla Parmalat di Calisto Tanzi). Quella cessione non andava fatta e quindi la società deve tornare ai proprietari originari, è la decisione del Tribunale amministrativo.
Ora il Comune di Roma ha 60 giorni di tempo per rientrare in possesso del 75% dell'ex municipalizzata, con modalità tutte da stabilire: una decisione che avrebbe un impatto non da poco su Parmalat, che si vedrebbe privata di un asset industriale valutato più di 100 milioni; sui francesi di Lactalis, impegnati in una scalata alla Parmalat; e soprattutto sul mercato, visto che è in corso un'Opa, proprio di Lactalis, a 2,6 euro per azione.
Entro due mesi, ha stabilito la sentenza anticipata dall'agenzia Radiocor-Il Sole 24 Ore, il Comune di Roma dovrà «attivare le procedure per riacquisire la titolarità del pacchetto azionario di controllo della Centrale del Latte di Roma, oggi nel portafoglio di Parmalat. Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, la magistratura fa irruzione nella vicenda Parmalat: prima con l'indagine di Milano sull'ipotesi di insider trading e aggiotaggio. Ora con l'ennesimo capitolo di una lunga telenovela (si veda altro articolo in pagina) che adesso però rischia di coinvolgere anche Lactalis: la società francese ieri, contattata, ha risposto con un «no comment» che è in linea con la posizione tenuta finora, ossia il disinteresse. Nel voluminoso prospetto d'Opa, che è tenuto ad elencare anche i rischi potenziali e i contenziosi aperti, non c'è una riga dedicata al caso Centrale del Latte. Per i francesi la «questione romana» non è ritenuta una condizione sospensiva: l'Opa va avanti in ogni caso. Anche perché la sentenza definitiva difficilmente arriverà entro i due mesi fissati dal Tar.
Sta di fatto, però, che un'eventuale restituzione dell'azienda può influire sul valore di Parmalat in prospettiva: il gruppo alimentare di Collecchio ha in bilancio la Centrale a un valore di carico di 104 milioni. La società controllata fattura 145 milioni e ha un margine operativo lordo di circa 17 milioni. C'è però anche un valore nascosto: Parmalat produce e vende alla stessa Centrale del Latte. E anzi l'anno scorso, si premura d'informare la relazione sul bilancio, Parmalat è riuscita a mantenere invariato il giro d'affari (fermo a 820 milioni) proprio grazie alla produzione fatta per conto della società controllata. Un'eventuale perdita dell'azienda avrebbe quindi anche un impatto diretto sul conto economico.
Dopo undici anni di contenzioso e altrettante sentenze (tante infatti ne sono state emesse per effetto dei vari ricorsi) che ancora non hanno fatto luce, il latte di Roma sembra sempre più un «pasticciaccio» giuridico con tre processi aperti sulla medesima vicenda. L'anno scorso il consiglio di Stato aveva annullato la privatizzazione della Centrale del Latte, chiesta dal Comune e dalla Ariete Fattoria. Contro questa decisione Parmalat ha fatto due ricorsi in Cassazione, mentre Ariete a sua volta ne ha fatto uno al Tar per rendere esecutiva quella sentenza (la decisione di ieri appunto).
Sia il Comune di Roma sia Parmalat ritengono di essere i legittimi proprietari della Centrale del Latte. La sentenza di ieri, però, non gioca del tutto a favore del sindaco Gianni Alemanno perché ha rispedito al giudice civile la decisione se Parmalat debba restituire le azioni. In più il Tar ha anche ridimensionato le pretese della società Ariete, abbassando il risarcimento a 8 milioni.
In casa Parmalat, nessuno si preoccupa troppo: difficilmente questa sarà l'ultima parola sulla spinosa vicenda visti i vari contenziosi aperti. A Collecchio sono certi che nella peggiore delle ipotesi, la Centrale ritornerà al comune ma Parmalat avrebbe diritto a un risarcimento per il valore creato nell'azienda in questi anni. Rimborso però che il Comune non sembra intenzionato a riconoscere: in questo caso Parmalat potrà opporre un diritto di ritenzione e tenersi le azioni finché il Comune non pagherà. Sempre che Alemanno abbia la volontà e le risorse economiche per ricomprarsi la società. Su questo punto la salomonica sentenza di ieri non ha contribuito a fare molta chiarezza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

IN CIFRE

104 milioni
Il valore di carico
Parmalat ha in bilancio la Centrale del Latte di Roma a un valore di carico di 104 milioni.
145 milioni
Il fatturato
La controllata ha un margine operativo lordo di 17 milioni.
2,6 euro
L'Opa
Lactalis ha lanciato un'Opa su Parmalat a 2,6 euro per azione.

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi