Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 14 luglio 2011 alle ore 11:56.

My24

I mercati azionari la aspettavano al vaglio. Il Tesoro ha collocato 4,966 miliardi di euro di BTp con scadenze nel 2016, 2017, 2023 e 2026. Il rendimento degli 1,716 miliardi di euro di titoli a 15 anni (2026) è al 5,90%, il massimo dal lancio dell'euro, mentre quello degli 1,25 miliardi di euro 5 anni (2016) è al 4,93%, il top dal giugno 2008. La domanda per i titoli a 15 anni è stata di 2,6 miliardi di euro, quella per i titoli a 5 anni di 2,5 miliardi di euro. I 763 milioni di euro con scadenza nel 2017 sono stati venduti al 4,93%, con una domanda di 1,75 miliardi di euro e gli 1,24 miliardi di euro con scadenza 2023 al 5,64%, con una domanda di 1,86 miliardi di euro

Dopo i risultati dell'asta dei titoli del Tesoro sul mercato primario torna ad allargarsi lo spread tra BTp e Bund decennali sul mercato secondario: il premio di rendimento dei BTp - che ieri era sceso a 280 dopo il panic selling di martedì quando aveva toccato un picco a 357 punti - è risalito intorno ai 300 punti portando il rendimento dei titoli a 10 anni al 5,71 per cento.

L'ampliamento dello spread ha peggiorato l'umore dei mercati azionari. Piazza Affari, nell'altalena della giornata, ha accentuato il ribasso.

I commenti degli operatori
Nelle sale operative, malgrado il risultato positivo dell'asta sul medio e lungo termine, gli operatori si interrogano sull'andamento dello spread tra BTp e Bund: «Il decennale si è appesantito a cavallo dell'asta - dice un trader - ed è francamente difficile spiegarsene il motivo. È significativo però che, da questa mattina, lo spread con la Germania ha avuto un andamento molto volatile con un'apertura in territorio negativo, un recupero a cui è seguito poi un sensibile allargamento in tarda mattinata».

Al di là dell'allargamento dello spread, gli operatori segnalano comunque come sia positivo il fatto che l'Italia abbia superato senza affanni il test sulle aste a medio e lungo termine collocando praticamente per intero l'importo offerto, raggiungendo un rapporto tra domanda e offerta molto elevato con in più una pressione sui prezzi di acquisto decisamente alta rispetto agli standard delle ultime aste. «È significativo - dice un operatore - che tutti i titoli siano stati piazzati con prezzi superiori rispetto al mercato secondario. È un segnale importante, anche se il vero test é stato superato martedì con l'asta dei BoT annuali».

Si impenna lo spread Grecia-Germania
Intanto lo spread tra decennale greco e Bund tedesco avanza a 1.446 punti base e il differenziale tra decennale irlandese e Bund sale a 1.175 punti. Ieri c'era stato il downgrade di Fitch sul debito sovrano greco e su quello irlandese.

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi