Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 16 gennaio 2012 alle ore 19:34.

My24

Standard & Poor's ha abbassato il rating a lungo termine dello European Financial Stability Facility (Efsf) ad "AA+" da "AAA" e ha confermato il rating a breve ad "A-1+". «Abbiamo levato i rating da CreditWatch dove erano stati messi con implicazioni negative - recita il comunicato dell'agenzia di rating americana - e ora l'outlook è in sviluppo».

Dopo il taglio del rating di Francia e Austria «gli strumenti di debito di lungo termine emessi dall'Efsf - afferma Standard & Poor's in una nota - non sono sostenuti dalle garanzie di membri con rating AAA. E ora sono coperti da garanzie di membri con AA+. Riteniamo che i rafforzamenti necessari per bilanciare quella che noi riteniamo una ridotta capacità di credito dei garanti dell'Efs al momento non ci siano». S&P non esclude però di poter rialzare tale valutazione se dovessero essere fornite delle garanzie aggiuntive.

«Entro marzo sarà valutata l'adeguatezza della dotazione di 500 miliardi di euro del nuovo fondo salva-Stati Esm, che sostituirà da luglio l'Esfs: lo ha dichiarato il presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker. Il declassamento di Esfs operato da S&P «non riduce la capacità di prestito di 440 miliardi di euro» del Fondo che ha «mezzi sufficienti per rispettare i suoi impegni», ha aggiunto Juncker.

«Il downgrade ad AA+ di una sola agenzia
non ostacolerà la capacità di prestito di 440 miliardi di euro del fondo», ha sottolineato Klaus Regling, direttore dell'Efsf. «Il fondo salva-Stati ha mezzi sufficienti per adempiere ai propri impegni fino a quando l'Esm diventerà operativo, nel luglio 2012».

La comunicazione è arrivata proprio mentre il presidente della Bce Mario Draghichiedeva, davanti all'Europarlamento, di «attuare tempestivamente le decisioni che sono state prese» al vertice europeo, in particolare per quanto riguarda «l'Efsf e l'Esm».

L'Efsf è stato creato nel 2010 ed è stato utilizzato nei piani di salvataggio di Irlanda e Portogallo. Si finanzia sui mercati attraverso emissioni obbligazionarie garantite dai Paesi membri dell'Eurozona e dunque risente delle valutazioni sul rating delle agenzie internazionali. Tutto questo a differenza dell'Esm, il fondo di salvataggio europeo permanente, che entrerà in funzione nel luglio 2012, affiancando l'Efsf, e che funzionerà attraverso dotazioni di capitali rilasciate dagli Stati dell'Eurozona.

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi