Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 agosto 2012 alle ore 13:47.

My24

Vola Apple: alla chiusura di ieri dei mercati aveva raggiunto una capitalizzazione di 607,54 miliardi di dollari. Con le azioni che hanno superato per la prima volta quota 647 dollari, ritoccando il massimo storico registrato ad aprile. È una corsa solitaria per un'azienda che ha già conquistato la palma di società quotata con maggiore valore al mondo. All'incremento hanno contribuito le previsioni di Jefferies & Company che ha aumentato il target di prezzo del titolo da 800 dollari a 900 dollari, sulla scia della notizia dell'inizio della produzione per il mini iPad, previsto in vendita dall'autunno, forse a ottobre.

Sarà un tablet con uno schermo tra sette e otto pollici che sugli scaffali dei negozi dovrà confrontarsi con Nexus 7 e, negli Stati Uniti, con Kindle Fire. Appe, inoltre, ha in cantiere anche un nuovo iPhone: il debutto negli Usa avverrà, secondo voci riportate dai siti d'informazione high tech, il 21 settembre, ma sarà presentato al pubblico il 12 settembre. È stato di recente il quotidiano economico e finanziario Wall Street Journal a rilanciare le speculazioni su un nuovo dispositivo per l'accesso alla programmazione televisiva e ai video, progettato dall'azienda californiana che da mesi ha trattative aperte con alcuni tra i principali operatori di televisioni via cavo negli Stati Uniti.

Apple, dunque, allunga il passo verso il massimo storico di tutti i tempi raggiunto da Microsoft nel 1999, con una capitalizzazione di mercato di 618,9 miliardi di dollari. È stato un lungo percorso. A gennaio di due anni fa supera la soglia di valore sui listini finanziari di 300 miliardi di dollari. In seguito avviene il passaggio di redini ai vertici: diventa amministratore delegato Tim Cook. E a ottobre scompare Steve Jobs, fondatore di Apple con Steve Wozniak e leader carismatico che aveva guidato la rinascita a partire dalla fine degli anni Novanta. Nella sua biografia, scritta da Walter Isaacson, Jobs aveva affermato di voler rivoluzionare tre ambiti: la fotografia, i libri scolastici e la televisione.

Lo scorso gennaio il gruppo di Cupertino arriva a una capitalizzazione sul listino finanziario di 400 miliardi di dollari e il mese successivo taglia il traguardo di 500 miliardi di dollari. L'intera Borsa italiana vale 448 miliardi di dollari, secondo dati Bloomberg. E all'orizzonte per l'azienda guidata da Tim Cook si avvicina il sorpasso del record di Microsoft.

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi