Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 17 dicembre 2012 alle ore 23:15.

My24
La chiusura di Wall StreetLa chiusura di Wall Street

Inizio settimana positivo per Wall Street. Tra gli investitori c'è maggiore ottimismo e il fiscal cliff sembra evitabile. Il presidente Barack Obama e il caponegoziatore repubblicano John Boehner proseguono con colloqui serrati che, secondo gli osservatori, finiranno per portare a un accordo che scongiuri tagli automatici della spesa e aumenti generalizzati delle aliquote a partire dall'1 gennaio. Proprio oggi i due leader si sono visti alla Casa Bianca per continuare con le trattative. I listini hanno dunque trovato la via dei rialzi: il Dow Jones ha chiuso in aumento dello 0,76% a 13.235,39 punti, il Nasdaq è cresciuto dell'1,32% a 3.010,60 punti e lo S&P 500 ha acquistato l'1,19% a 1.430,36 punti.
A sbloccare la situazione è stata l'apertura di Boehner, che nel fine settimana ha ceduto sul fronte di maggiore attrito, quello dell'aumento delle tasse per i cittadini più ricchi, offrendo un incremento delle aliquote per chi guadagna più di un milione di dollari con introiti per 460 miliardi di dollari in dieci anni, in cambio di decisi tagli della spesa. L'aliquota passerebbe dunque dal 35 a 39,6% per circa 400.000 famiglie nell'anno fiscale 2013. Non è quello che chiedeva il presidente Barack Obama, che ha per mesi premuto sulla necessità di aumentare l'imposizione per i redditi superiori a 250.000 dollari, ma è comunque un'apertura che spiana la strada alle discussioni.

Tra i titoli, giornata di altalene per Apple sulla notizia della vendita di oltre 2 milioni di iPhone 5 in Cina nel primo settimana sul mercato. In avvio il titolo è sceso per la prima volta da febbraio al di sotto della soglia psicologica dei 500 dollari a un minimo intraday di 499 dollari per azione. Poi c'è stato il recupero e la chiusura in rialzo dell'1,77% a 518,83 dollari, appena sotto il massimo di giornata a 520 dollari. Il titolo è comunque in ribasso del 24% rispetto al record di settembre a 705,07 dollari e va verso il peggiore calo trimestrale dagli ultimi tre mesi del 2008. Va inoltre segnalato che nelle ultime 12 settimane Apple ha bruciato capitalizzazione di mercato per 176 miliardi di dollari a 484,8 miliardi.
Da segnalare infine l'aumento di General Electric, che ha chiuso in rialzo dell'1,43%. E' atteso per giovedì l'annuncio dell'accordo tra la conglomerata americana e la private equity britannica Cinven sull'acquisto del colosso aeronautico piemontese Avio, nato da una costola di Fiat. Secondo il Wall Street Journal, Ge sarebbe pronta a pagare fino a 3 miliardi di euro. I dettagli dell'accordo, dicono le fonti sentite dal quotidiano, non sono ancora stati definiti e l'operazione potrebbe ancora saltare.

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi