Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 26 maggio 2014 alle ore 10:36.
L'ultima modifica è del 26 maggio 2014 alle ore 15:33.

My24
(Fotogramma)(Fotogramma)

«Vince la stabilità», «il risultato elettorale migliore che si potesse sperare», «euforia giustificata». Sono questi alcuni dei commenti raccolti fra gli operatori a pochi minuti dall'apertura dei listini e che stanno vedendo un forte rialzo di Piazza Affari arrivata a guadagnare anche oltre il 3%. Il risultato delle elezioni europee con l'affermazione del Pd di Renzi e il ridimensionamento del M5s sono all'origine di quanto sta accadendo alla Borsa di Milano.

«Vince la stabilità del governo - spiega Roberto Brasca, vicepresidente di AcomeA sgr - Nelle ultime due settimane avevamo visto una chiusura di posizioni dovuta al fatto che molti investitori esteri dopo aver realizzato guadagni importanti avevano deciso di alleggerire le posizioni prendendo profitto».

Per Roberto Russo, a.d. di Assiteca Sim quello delle europee è «il risultato migliore che si potesse ottenere per la reazione dei mercati finanziari, l'Italia è stato l'unico Paese a esprimere un voto europeista fra i fondatori e, contemporaneamente, ha ottenuto dopo anni un risultato di stabilità politica». La reazione si è vista sia sul mercato azionario che su quello dei titoli di stato dove il rendimento del Btp decennale è sceso fino al 3,02%. «Un altro risultato importante - aggiunge - è quello della Francia dove l'affermazione di Marine Le Pen metterà pressione alla Bundesbank e amplierà la possibilità di azione della Bce».

L'analisi è confermata anche da Gianluca Verzelli, vice dg di Banca Akros: «L'euforia è giustificata dal fatto che il risultato italiano era una delle maggiori incognite, c'era il rischio di un'affermazione di Grillo in un Paese come l'Italia che pesa così tanto in Europa e questo aveva generato prese di beneficio notevoli sia sui Btp sia sulla Borsa italiana». La stabilità politica riconquistata dalla Penisola secondo Verzelli sembra destinata a durare a dispetto di chi ipotizza un Pd in marcia nuove elezioni per capitalizzare al massimo questa fase di consensi: «In questo momento non vedo un rischio elezioni, non c'è ancora la legge elettorale e dal primo luglio c'è il semestre italiano di presidenza Ue. Adesso bisogna guardare con maggiore forza a quello che c'è da fare: siamo agli a inizi percorso di riforme, dal lavoro a quella elettorale, quello che è accaduto è solo un primo step».

Unicredit: i mercati premiano la stabilità
Uno scenario post elettorale nel segno della stabilità, in cui a dispetto dei timori della vigilia l'asse Ppe-Pse resta preponderante e il peso degli euroscettici praticamente ininfluente, è la chiave di lettura della reazione dei mercati all'indomani delle elezioni europee, secondo Carlo Aloisio, senior broker di UniCredit, commentando la situazione dalla sala operativa situata nella Torre C del nuovo headquarter del gruppo. Tra gli elementi di maggior interesse Aloisio segnala l'andamento della Borsa francese: «Visti i risultati mi sarei aspettato più nervosismo - nota - segno che anche in questo caso viene privilegiata una lettura più in chiave europea, facendo passare in secondo piano la situazione politica interna». Quanto all'Italia, il balzo del Ftse Mib è anche dovuto alla necessità di recuperare le flessioni della scorsa settimana, legate ai timori di un boom delle forze euroscettiche: «Già venerdì c'era stata un'accelerazione a ricoprire le posizioni mentre iniziavano a circolare previsioni migliori rispetto ai sondaggi precedenti», sottolinea Aloisio. «Ora il risultato elettorale conferma la linea del governo e di fatto limita anche lo spazio di manovra della minoranza interna del Pd, tutti fattori che sostengono i listini milanesi». Trend confermato anche dalla riduzione dello spread BTp-Bund, sceso nelle prime battute a 159 punti base dai 180 di venerdì. Il mercato, nota ancora Aloisio, legge favorevolmente anche il rafforzamento della posizione italiana all'interno del Pse e in generale del Parlamento europeo, a scapito dell'asse franco-tedesco che negli ultimi anni ha dettato le linee guida della politica europea. La speranza, aggiunge, «è che si possa aprire una fase politica più rivolta al sostegno della ripresa economica». Tanto più che è alle porte il semestre di presidenza italiana, a cui il premier Matteo Renzi arriva sull'onda di questo forte segnale di conferma della linea del governo. In un quadro di mercato sostanzialmente tranquillo (complice anche la chiusura di Londra e New York per il bank holiday) e positivo (anche in Grecia non si notano impatti speculativi post elettorali), l'unica nota in controtendenza può essere il risultato spagnolo: «Un successo delle forze che sostengono l'attuale governo avrebbe potuto creare un forte asse italo-spagnolo, che avrebbe potuto dare ancora maggior spinta a politiche europee espansive», conclude Aloisio.

Russo (Assiteca Sim), miglior risultato possibile in Italia
«È il risultato migliore che si potesse ottenere per la reazione dei mercati finanziari, l'Italia è stato l'unico Paese a esprimere un voto europeista fra i fondatori e, contemporaneamente, ha ottenuto dopo anni un risultato di stabilità politica». Commenta così il risultato delle europee, Roberto Russo, a.d. di Assiteca Sim, che osserva sia la forte crescita del listino azionario sia il rendimento del Btp decennale sceso attorno al 3%. «L'Italia adesso ha l'occasione più unica che rara, che è quella delle riforme. Il trionfo di Renzi, infatti, è il trionfo di un 38enne che ha ridato speranza al Paese. È la vittoria di un partito di centro, la vittoria di un giovane coraggioso che ci ha messo la faccia e in pochi mesi ha preso in mano un Paese». «Un altro risultato importante - aggiunge Russo - è quello della Francia dove l'affermazione di Marine Le Pen metterà pressione alla Bundesbank e amplierà la possibilità di azione della Bce». In questo momento «la Francia non è più alleata della Germania, ma contrasta la Merkel e la sua politica mentre l'Italia è diventata l'anello forte della catena». A breve potrebbe esserci un effetto anche sul mercato valutario: «Anche per il dollaro questo potrebbe essere un messaggio importante e il biglietto verde potrebbe rafforzarsi sull'euro».

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi