Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 07 ottobre 2014 alle ore 08:44.
L'ultima modifica è del 07 ottobre 2014 alle ore 16:10.

My24

Ora è ufficiale e definitivo: domenica la Fiat si trasformerà in Fiat Chrysler Automobiles NV, società olandese domiciliata fiscalmente a Londra, e lunedì debutterà nella nuova veste sui mercati azionari di New York e Milano. L'ultimo ostacolo sulla strada della fusione - ha comunicato il Lingotto - è stato superato il 4 ottobre, quando è scaduto il termine per i creditori Fiat per fare opposizione alla fusione senza che nessuno lo facesse. “Si sono quindi avverate tutte le condizioni sospensive alla fusione di Fiat in Fiat Investments N.V. previste dal progetto di fusione approvato dall'assemblea degli azionisti di Fiat il 1° agosto 2014”: il diritto di recesso - come annunciato un mese fa - è stato esercitato per un numero di azioni tale da non comportare il superamento del limite di 500 milioni di Euro all'importo da pagarsi agli azionisti recedenti ed ai creditori che avessero proposto opposizione.

Le quotazioni in Borsa.
Il 6 ottobre 2014 il New York Stock Exchange (“NYSE ”) ha comunicato di aver approvato la quotazione delle azioni ordinarie di FCA, subordinatamente alla loro emissione al momento dell'efficacia della fusione. Lo stesso giorno Borsa Italiana S.p.A. ha approvato la quotazione delle azioni ordinarie di FCA sul Mercato Telematico Azionario (“MTA ”), subordinatamente alla autorizzazione da parte di Consob della pubblicazione del relativo documento informativo (documento di equivalenza). La fusione verrà materialmente eseguita domenica 12 ottobre 2014 e le azioni ordinarie di FCA saranno quotate sul NYSE e, subordinatamente all'autorizzazione da parte di Consob alla pubblicazione del relativo documento informativo, a PIazza Affari a partire da lunedì 13 ottobre 2014. Sergio Marchionne e John Elkann saranno lunedì a New York per festeggiare il debutto a Wall Street suonando, a fine seduta, la simbolica campana di fine contrattazioni.

La trasformazione.
Oltre alla seduta, la campanella chiuderà anche simbolicamente un ciclo per Fiat e per il suo timoniere. In poco più di cinque anni l'azienda torinese si è trasformata in un gruppo globale integrato, con attività prevalentemente sul continente americano (Nord e Sudamerica pesano per oltre tre quarti delle vendite. Dal punto di vista legale, la sede olandese e il domicilio fiscale a Londra permettono risparmi fiscali ai soci ma soprattutto consentono all'azionista di maggioranza - la Exor della famiglia Agnelli - di rafforzare il controllo sulla società con il meccanismo dei diritti di voto doppi.

I prossimi passi.
Nelle prossime settimane il consiglio d'amministrazione di Fca si riunirà per la prima volta a Londra. Sul tavolo, oltre all'approvazione dei conti del 3° trimestre 2014, ci sarà l'eventuale ricapitalizzazione di un bilancio gravato da un debito netto di 10 miliardi di euro. Secondo Marchionne l'operazione non è indispensabile, dato che fra 18 mesi il gruppo inizierà a produrre cassa in misura tale da finanziare gli investimenti previsti dall'ambizioso piano 2014-2018.

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi