Finanza & Mercati

Fca deposita il bilancio 2015: per Marchionne stipendio da 10 milioni di…

  • Abbonati
  • Accedi
depositato il bilancio 2015

Fca deposita il bilancio 2015: per Marchionne stipendio da 10 milioni di euro (escluse le azioni)

Imagoeconomica
Imagoeconomica

GINEVRA - dal nostro inviato Andrea Malan

Fiat Chrysler ha depositato ieri il bilancio 2015 presso la Sec (Form 20-F); i numeri principali sono quelli resi noti a fine gennaio: fatturato consolidato di 110,6 miliardi di euro (+18%), Ebit di 2,625 miliardi (in calo da 2,834), utile netto di 93 milioni di euro rispetto ai 359 del 2014; tutti i dati si intendono dopo l'esclusione di Ferrari, scorporata lo scorso 3 gennaio, e non sono “adjusted” per le poste straordinarie. Le consegne di veicoli sono rimaste stabili a 4,6 milioni di unità; i dipendenti del gruppo al 31 dicembre erano 238 mila, 6mila in più rispetto a fine 2014.

Tra i fattori di rischio per il gruppo il report cita in prima battuta la dipendenza elevata dalle vendite di SUV, pick up e minivan negli Usa: “Se la quota sul mercato Usa di questi veicoli fosse calata del 10% nel 2015, a parità di altre condizioni ciò avrebbe fatto scendere del 10% il nostro Ebit di gruppo”. Tale dipendenza, aggiunge il bilancio, è destinata a salire con la decisione annunciata gennaio di spostare la produzione in Nordamerica dalle auto vere e proprie a SUV e pick up. Un altro rischio è quello legati ai richiami di veicoli sul mercato Usa, un fenomeno aumentato di recente in misura significativa. Il report cita infine i rischi di un calo congiunturale del mercato: “Il settore auto è altamente competitivo e ciclico, e noi potremmo soffrire di quei fattori più di alcuni concorrenti”. La ragione è in parte il fatto che “molti dei nostri concorrenti sono meglio capitalizzati e hanno quote di mercato maggiori”.

Il bilancio di Fca contiene anche il sommario della remunerazione dei top manager, a partire dall'amministratore delegato Sergio Marchionne. Quest'ultimo ha ricevuto nel 2015 la somma di 10 milioni di euro, di cui 3,6 milioni di paga base e 6,4 di incentivi e altri compensi; al presidente John Elkann sono andati poco meno di 2 milioni di euro. Marchionne ha inoltre avuto assegnate nel corso dell'anno un totale di 5,94 milioni di azioni Fca, di cui 3,95 milioni maturate nel corso dell'anno (per un controvalore che ai prezzi di ieri era di circa 25 milioni di euro). Attualmente Marchionne ha in portafoglio azioni Fca per 93 milioni di euro e opzioni per un valore di 27,4 milioni, per un totale di 120 milioni; ad essi si aggiungono circa 80 milioni in azioni Ferrari e 50 in titoli e opzioni Cnh Industrial.
Il bilancio Fca spiega per la prima volta in dettaglio i parametri in base ai quali il bonus è calcolato e i valori che ne hanno determinato l'ammontare: per Marchionne gli obiettivi sono (in quote di 1/3 ciascuno) Ebit adjusted a 4,3 miliardi, utile netto adjusted a 1,1 miliardi, debito netto industriale a 7,75 miliardi; poiché per tutti e tre i risultati sono stati più che centrati, il bonus complessivamente ricevuto è stato pari a oltre il 150% del target.

© Riproduzione riservata