Finanza & Mercati

Gli studenti dell’Università di Genova guidano la Fund Management…

  • Abbonati
  • Accedi
gestori in provetta

Gli studenti dell’Università di Genova guidano la Fund Management Challenge 2016

Diciassette squadre di studenti universitari da tutta Italia stanno gareggiando nella CFA Society Italy Fund Management Challenge, competizione d'investimento “made in Italy” con finalità educative promossa da CFA Society Italy con il sostegno economico e tecnico di FactSet, Ubs Etf, Hammer Partners, Cfa Institute e Kaplan-Schweser.

In testa alla classifica della Fmc, con il migliore rendimento di portafoglio, al momento c'è il team dell'Università degli Studi di Genova, seguita a ruota dalle squadre dell'Università degli Studi di Torino e dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. «Regolarmente ci incontriamo - spiegano gli studenti dell'Università di Genova - per discutere della nostra strategia d'investimento, analizzare i dati finanziari delle società e aggiornare le nostre posizioni alla luce dello scenario macroeconomico. Crediamo che la Fmc sia una grandissima opportunità di formazione che ci consente di sviluppare e mettere in pratica le nostre conoscenze di analisi fondamentale confrontandoci con le problematiche della gestione istituzionale di un fondo azionario long-short».

Nella Fund Management Challenge gli studenti costruiscono un portafoglio long-short scegliendo fra i titoli che compongono l'EuroStoxx50 e motivano le loro idee d'investimento. Professionisti finanziari con una pluriennale esperienza di investimento in banche, Società di gestione di fondi comuni e altre istituzioni finanziarie, valutano le idee d'investimento degli studenti e dialogano con loro durante la competizione.

La gara, giunta alla sua quinta edizione, è iniziata il 4 febbraio e terminerà il 26 maggio 2016. «La principale novità di questa edizione - afferma Andrea Dal Santo, coordinatore del progetto Fmc - è l’avvio della fase due del progetto che ha l’obiettivo di aumentare l'esperienza formativa e accrescere il numero di università partecipanti. A gennaio abbiamo lanciato il sito www.fmc.cfasi.it che semplifica e aumenta l'interazione fra studenti e professionisti e offre aggiornamenti frequenti sulla competizione».

© Riproduzione riservata