Finanza & Mercati

Fs: ok a bond per 1,8 miliardi di euro

  • Abbonati
  • Accedi
Infrastrutture

Fs: ok a bond per 1,8 miliardi di euro

Ferrovie dello Stato è al lavoro sul nuovo piano industriale che vedrà la luce per fine settembre e che dovrà tratteggiare nel dettaglio il futuro del gruppo guidato da Renato Mazzoncini e tutto giocato sul mix tra trasporti - con un occhio di riguardo alle potenzialità del trasporto su gomma -, e infrastrutture dove si prepara l'integrazione con Anas. E Fs, impegnata da oggi al 2 giugno a Milano, nel “World Congress on Railway Research 2016”, organizzato dallo stesso gruppo e da Trenitalia, che riunisce mille partecipanti, tra ricercatori, ingegneri e tecnici provenienti da tutto il mondo, è già pronta a recuperare sul mercato nuova provvista per le sue esigenze di sviluppo.

Proprio oggi, infatti, il cda del gruppo ha deliberato l'emissione di bond, da collocarsi presso investitori istituzionali, per complessivi 1,8 miliardi di euro. «Dobbiamo ancora organizzare il road show», ha spiegato il ceo Mazzoncini a margine dell'evento milanese a chi gli chiedeva lumi sull'operazione. «Servirà- ha precisato il top manager - a finanziare la cassa 2016» e rientra nel programma già previsto da 4,5 miliardi in totale. «Stiamo cercando di valutare anche i green bond all'interno dell'operazione», ha proseguito il numero uno di Ferrovie.

Mazzoncini si è poi soffermato sulle prossime tappe, a cominciare dal piano industriale. «Sarà un piano di grande turnaround con operazioni importanti che stiamo studiando. Sul lato delle infrastrutture stiamo studiando l'integrazione con Anas e l'integrazione con molte ferrovie concesse. Sul lato trasporti, stiamo poi valutando la possibilità di diventare un grande player anche nel trasporto su gomma, come lo è Deutsche Bahn in Europa, il secondo operatore su gomma in Europa».

© Riproduzione riservata