Finanza & Mercati

Rating gonfiati: Moody’s multata per 864 milioni di dollari

  • Abbonati
  • Accedi
subprime

Rating gonfiati: Moody’s multata per 864 milioni di dollari

Foto Epa
Foto Epa

A oltre dieci anni dalla crisi dei subprime e dal collasso del mercato immobiliare americano che innescò il più grande terremoto finanziario ed economico del Dopoguerra, anche Moody's si appresta a pagare il conto. Ed è un conto salato, seppur frutto di un patteggiamento con le autorità federali e statali Usa, pari a quasi 864 milioni di dollari. L'accusa, in parte riconosciuta dall'agenzia internazionale, è quella di aver gonfiato il rating di mutui ipotecari molto rischiosi o di averne sottovalutato i pericoli negli anni che hanno portato alla grande crisi, dunque prima del 2008. Per lo stesso motivo un anno fa arrivo' la stangata su Standard & Poor's, costretta a pagare 1,5 miliardi di dollari. L'intesa su Moody's è probabilmente l'ultima zampata dell'amministrazione Obama, che in questi anni ha perseguito soprattutto le grandi banche di Wall Street che in totale hanno versato nelle casse dello stato circa 162 miliardi di dollari in multe e sanzioni, per aver venduto prodotti finanziari rischiosi e contribuito al caos scatenatosi sui mercati. Una “catastrofe” costata alle famiglie americane colpite dalla recessione circa 11 mila miliardi di dollari.

L'accordo su Moody's Investors Service è stato raggiunto col Dipartimento di giustizia, al quale andranno 437,5 milioni di dollari, e con le autorità giudiziarie di 21 stati Usa, più il District of Columbia dove si trova la capitale Washington. Le
somme che dovranno essere versate rappresentano circa un terzo dei 2,5 miliardi di dollari guadagnati dall'agenzia negli anni che hanno preceduto la crisi.

“Moody's ha fallito nell'osservanza dei suoi standard di rating e ha tradito la missione della trasparenza”, si legge nelle carte dell'accusa. Nell'ambito dell'intesa l'agenzia basata a New York si impegna anche a proseguire sulla strada di un certo numero di riforme per migliorare il suo funzionamento e renderlo meno opaco possibile, assicurando che i rating assegnati siano il più oggettivi possibile, senza cedere a pressioni di qualunque tipo.

Uno degli obiettivi è la completa separazione della parte commerciale del gruppo da quella che svolge le funzioni di rating. Oltre all'impegno di affidare a organi indipendenti tutti i cambiamenti decisi sul fronte dei metodi di valutazione adottati. Stretta anche sui compensi dei dipendenti che non dovranno essere più legati alle proprie performance finanziarie.

© Riproduzione riservata