Finanza & Mercati

Per Ferrari un trimestre record. L’utile balza del 60% e spinge…

  • Abbonati
  • Accedi
AUTO

Per Ferrari un trimestre record. L’utile balza del 60% e spinge il titolo in Borsa

Afp
Afp
Andamento titoli
Vedi altro

La Ferrari ha aperto il 2017 con un trimestre da primato: nei tre mesi a fine marzo le consegne hanno superato le 2mila unità (2.003, +6% sul 2016) e i ricavi hanno accelerato (+22% a 821 milioni di euro) spingendo l’utile operativo lordo (Ebitda) a 242 milioni (+36%) per un utile netto di 124 milioni (+60%).

RISULTATI FINANZIARI
Dati in milioni di Euro e variazione %, salvo diversamente indicato. Trimestre chiuso al 31 marzo

Obiettivo dell’anno: oltre 8mila auto vendute
Il debito netto industriale è calato a fine trimestre a 578 milioni di euro dai 653 di fine dicembre. Il gruppo ha confermato le previsioni per il 2017: consegne di auto a 8.400 unità, comprese le supercar, ricavi «oltre i 3,3 miliardi di euro», Ebitda di «oltre 950 milioni» e debito netto industriale che a fine anno dovrebbe essere di «circa 500 milioni».

Bene il mercato europeo
Le vendite di Ferrari sono in crescita in tutte le principali regioni: bene l’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), che ha registrato un'espansione dell'8,8% con mille vetture; Germania, Francia, Italia e Regno Unito hanno messo a segno una crescita a due cifre. Le Americhe sono cresciute del 4,2% con 545 auto vendute, il Resto della regione Asia Pacifico (APAC) del 4% e Cina, Hong Kong e Taiwan, su base aggregata, hanno registrato un +3,2% con 161 rosse. All’aumento dei profitti ha contribuito la forte domanda di modelli a 12 cilindri (GTC4 Lusso, LaFerrari Aperta e F12tdf), quelli più costosi e a margini più elevati: le loro vendite sono cresciute del 50% a fronte di un -3% per gli otto cilindri.

CONSEGNE
Dati in unità e variazione %

Sprint a Piazza Affari
Il titolo Ferrari ha avuto una forte accelerazione dopo l’annuncio dei conti, e alle 13 quotava 72 euro con un balzo del 3,5%. Dai minimi del febbraio 2016 (28 euro), il titolo ha guadagnato oltre il 150%.

© Riproduzione riservata