Finanza & Mercati

Unipol avvia il riassetto e crea una bad bank con 3 miliardi di sofferenze

  • Abbonati
  • Accedi
riassetti

Unipol avvia il riassetto e crea una bad bank con 3 miliardi di sofferenze

Il cda di Unipol Gruppo ha approvato un progetto che mira alla definitiva razionalizzazione del comparto assicurativo del Gruppo Unipol, attraverso la cessione ad UnipolSai Assicurazioni di alcune partecipazioni. Nel dettaglio, si legge in una nota, Unipol cederà a Unipolsai il 98,53% di Unisalute per un corrispettivo di 715 milioni di euro e il 100% di Compagnia Assicuratrice Linear, per 160 milioni di euro.

Nell'ambito del Progetto è previsto che, qualora ne ricorrano le condizioni e i presupposti, anche la partecipazione di controllo, pari al 63,39% del capitale sociale, detenuta da Unipol in Arca Vita possa essere trasferita nei prossimi mesi a UnipolSai.

Una bad bank con 3 miliardi di sofferenze
Il Consiglio di amministrazione di Unipol, nella sua qualità di capogruppo dell'omonimo Gruppo bancario, ha altresì approvato le linee guida di un piano di ristrutturazione del comparto bancario, che prevede il trasferimento mediante scissione in favore di una società di nuova costituzione partecipata dagli attuali soci di Unipol Banca, con modalità tecniche in corso di definizione, di un compendio aziendale comprensivo di un portafoglio crediti in sofferenza della Banca per un ammontare di circa 3 miliardi di euro, previo adeguamento del valore degli stessi , secondo le condizioni attualmente prevalenti sul mercato in operazioni di dismissione (valore, al momento, stimabile in circa 20 centesimi), e rafforzamento del tasso medio di copertura delle inadempienze probabili, che rimarranno all'interno di Unipol Banca, ai migliori livelli del sistema bancario, al momento stimabile pari a circa il 40%.

Nel Piano verranno coinvolte anche le altre società del Gruppo interessate alla sua realizzazione, Unipol Banca e UnipolSai, per le valutazioni e determinazioni di loro competenza. L'obiettivo di Unipol è quello di dare esecuzione all'intero progetto entro il primo trimestre del 2018.

Il Piano prevede la separazione delle sofferenze della Banca in una realtà distinta e specializzata nel recupero di tali posizioni. La stima preliminare degli impatti complessivi delle operazioni richiamate nel presente comunicato comporterebbe, alla data del 31 dicembre 2017, sulla base delle informazioni attualmente disponibili, un presumibile effetto negativo sul risultato consolidato di Unipol pari a circa 780 milioni di euro, che sul piano del risultato civilistico verrebbero a compensarsi con le plusvalenze derivanti dalla cessione di Linear e Unisalute, lasciando sostanzialmente inalterate le prospettive reddituali di Unipol per il corrente esercizio.
Per quanto concerne i potenziali effetti sui ratios patrimoniali, al momento si stima una riduzione di circa 10 punti percentuali sul Solvency II ratio consolidato e di circa l'1% in termini di CET1 Capital ratio del Gruppo Bancario.

UnipolSai: -17 pt effetto acquisizione Unisalute e Linear su ratio solvibilità
Il Consiglio di Amministrazione di UnipolSai Assicurazioni, riunitosi nella giornata di ieri sotto la presidenza di Carlo Cimbri, ha approvato l'acquisizione delle seguenti partecipazioni detenute da Unipol in Unisalute e in Compagnia Assicuratrice Linear.
L'effetto stimato di queste partecipazioni sul ratio di solvibilità prospettico al 31 dicembre 2017 di UnipolSai è pari a - 17 punti percentuali.
Il Consiglio di Amministrazione di UnipolSai ha, inoltre, approvato di disdettare l'accordo di distribuzione in essere con Banco BPM. La disdetta è stata inviata dalla controllata Popolare Vita. Il conseguente esercizio dell'opzione put ad essa spettante sulla base dell'accordo parasociale vigente con Banco BPM, avente ad oggetto la partecipazione detenuta da UnipolSai in Popolare Vita, pari al 50% del capitale sociale della stessa più un'azione. La determinazione del prezzo di cessione della Partecipazione è disciplinata, nell'ambito del Patto, da una specifica procedura ma c'e' la possibilità per UnipolSai e Banco BPM di avviare interlocuzioni finalizzate al raggiungimento di un corrispettivo condiviso. (Radiocor Plus Il Sole 24 Ore)

© Riproduzione riservata