Finanza & Mercati

A Neuberger le quote del Fondo Italiano

  • Abbonati
  • Accedi
Fondi & ETF

A Neuberger le quote del Fondo Italiano

  • –Carlo Festa

Passa al gruppo finanziario americano Neuberger Berman il portafoglio del Fondo Italiano d'Investimento.

I fondi gestiti da Neuberger Berman, tra i quali Nb Secondary Opportunities Fund IV, hanno chiuso l’acquisizione di tutte le quote del Fondo Italiano di Investimento, da Cassa Depositi e Prestiti, Intesa Sanpaolo, UniCredit, Monte dei Paschi di Siena, Nexi, Banco Bpm, Banco Popolare dell’Emilia Romagna, Credito Valtellinese, Banca Popolare di Cividale e Ubi Banca. Il prezzo di vendita sarebbe vicino ai 300 milioni di euro.

Il portafoglio di FII include partecipazioni di minoranza in 21 aziende con un fatturato aggregato ed Ebitda complessivo pari rispettivamente a circa 2,3 miliardi e 282 milioni. La gestione del portafoglio verrà affidata ad un team di 9 professionisti provenienti dal Fondo Italiano d’Investimento Sgr.

Il team manterrà la stessa filosofia di investimento adottata fino ad oggi, focalizzata sulla creazione di valore a lungo termine, in partnership con imprenditori leader nei loro settori che intendono promuovere progetti di sviluppo.

Si tratta della seconda importante operazione di Neuberger Berman in Italia, dopo l’acquisizione del portafoglio di partecipazioni di Intesa Sanpaolo nel 2015.

L’acquisizione si inserisce nella strategia di investimenti indiretti dei fondi di Neuberger Berman, finalizzata a fornire nuova liquidità agli investitori istituzionali che cercano di monetizzare il loro portafoglio di private equity. Dal 2005, il team di private equity di Neuberger Berman ha raccolto oltre 7 miliardi di dollari destinati ad investimenti nel mercato secondario.

Neuberger Berman, asset manager con 284 miliardi di dollari in gestione, dovrebbe poi lanciare il primo veicolo da quotare in Borsa per investire in aziende italiane di medie dimensioni a supporto della loro crescita ed internazionalizzazione, in linea con i requisiti di investimento dell'iniziativa Pir, ma con la particolarità di poter investire in aziende non quotate, un target potenziale di oltre 5.000 aziende del Paese. L’obiettivo è convogliare il risparmio italiano verso l’economia reale. Il veicolo sarà gestito da Neuberger Berman. In una prima fase, nel veicolo confluirà il portafoglio acquisito dal Fondo Italiano d’Investimento costituito da 21 partecipazioni di minoranza in aziende italiane, a supporto delle famiglie imprenditoriali che hanno mantenuto il controllo, con le caratteristiche per consolidare la leadership a livello internazionale. «Il nostro focus - dice Anthony Tutrone, managing director e responsabile di Nb Alternatives a livello globale - è stringere partnership con aziende di media dimensione. Riteniamo che in Italia ci siano degli imprenditori leader nei loro settori che, grazie all’accesso al nostro network globale e al nostro capitale, possono avviare con successo un percorso di internazionalizzazione e accelerare i loro piani di crescita». Neuberger Berman è stata assistita, per gli aspetti legali , dagli avvocati Gianni Martoglia, Giorgio Groppi e Alessandra Ghezzi dello studio legale Gatti Pavesi Bianchi, insieme a Christian Neira, general counsel della divisione private equity di Neuberger Berman e Jagdip Gujral, associate general counsel.

© RIPRODUZIONE RISERVATA