Finanza & Mercati

Farmaceutica, la «cassaforte» di Pessina stacca un maxi dividendo…

  • Abbonati
  • Accedi
Alliance Santè Participations

Farmaceutica, la «cassaforte» di Pessina stacca un maxi dividendo da 126 mln. In pancia ha il 14,5% di Walgreens

Un utile netto di 327 milioni di euro, in crescita del 15%, che porta alla distribuzione di 126 milioni di dividendi e spinge oltre la soglia dei 7 miliardi gli utili riportati a nuovo. E' il bilancio 2017 di Alliance Santè Participations, la cassaforte lussemburghese di Stefano Pessina e Ornella Barra che custodisce il 14,5% di Walgreens Boots Alliance, il numero uno mondiale della distribuzione farmaceutica. Come emerge dalla documentazione depositata nel Granducato e consultata da Radiocor, Alliance ha concluso lo scorso anno con asset per 7,3 miliardi, in calo dai 7,6 miliardi del 2016.

Dividendi 2017 per 126 milioni
L'esercizio - indica la relazione annuale senza dare ulteriori precisazioni - registra correzioni di valore per 269 milioni di euro in «aziende in cui la società ha un legame di partecipazione», mentre resta immutato a 7,27 miliardi il valore dei «titoli che hanno carattere di immobilizzo». Gli utili riportati a nuovo, dedotti i 126 milioni distribuiti in dividendo, salgono da 6,83 miliardi a 7,03 miliardi.

Si è, invece, chiuso con una perdita di 77mila euro il bilancio 2017 di NewCip, la controllante di Alliance, pure domiciliata in Lussemburgo, che nel 2016 aveva segnato un utile di 116mila euro. A fine anno, comunque, la holding di testa del gruppo poteva contare a sua volta su utili a nuovo per oltre 600 milioni di euro. Gli asset sono scesi a 1,7 miliardi da 2,2 miliardi, dopo la riduzione dei crediti «a imprese collegate» da 582 milioni a 82,5 milioni. Nel cda di tutte e due le società sono presenti Stefano Pessina, «ingegnere» e Ornella Barra, «farmacista», entrambi residenti nel Principato di Monaco, in qualità di amministratori, mentre la presidenza del board è dell'avvocato lussemburghese Simone Retter. Pessina, classe 1941, pescarese di nascita e laurea al Politecnico di Milano e Ornella Barra, 64 anni, nativa di Chiavari, hanno creato, acquisizione dopo acquisizione, un gruppo di dimensioni mondiali, di cui Pessina è ceo e vice-presidente esecutivo e la sua compagna e socia chief operating officer.

Per Forbes Pessina conta su un patrimonio di 10,6 miliardi di $
Nella graduatoria di Forbes, Pessina, accreditato di un patrimonio di 10,6 miliardi di dollari, è al 127esimo posto al mondo tra i miliardari e al terzo in Italia. Barra figura regolarmente nell'elenco delle donne più influenti del mondo e nel 2017 era l'unica italiana della lista. Walgreens è la più grande azienda globale per la distribuzione di farmaci e prodotti di benessere, controlla una catena di 13.200 farmacie in 11 Paesi e come grossista ha 390 centri di distribuzione che forniscono 230.000 tra farmacie dottori, centri di salute ed ospedali in 20 Paesi. Ha 385mila dipendenti e nel 2017 ha fatturato 118 miliardi di dollari, con utili per 4,1 miliardi. Nel terzo trimestre 2018 (allo scorso maggio), l'utile netto di competenza è salito a 1,3 miliardi (+15,5%) e il fatturato a 34,3 miliardi (+14%). Il gruppo, quotato al Nasdaq, capitalizza in Borsa circa 61 miliardi di dollari, dopo avere segnato un calo delle quotazioni del 22% negli ultimi 12 mesi. Ieri il titolo ha chiuso a 60,765 dollari (-0,6%). Il massimo dell'ultimo anno è stato di 83,89 dollari e il minimo di 59,07.
(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata