Finanza & Mercati

Brilla Deutsche Bank spinta dai conti del II trimestre molto sopra le attese

  • Abbonati
  • Accedi
Borsa di Francoforte

Brilla Deutsche Bank spinta dai conti del II trimestre molto sopra le attese

I risultati preliminari del secondo trimestre 2018 decisamente sopra le attese spingono il titolo Deutsche Bank alla Borsa di Francoforte. Le azioni dell'istituto tedesco salgono del 6%, dopo essere salite anche sopra il 7%, quando il Dax30 è poco mosso e segna un progresso molto più modesto. La prima banca tedesca ha reso noto di aver chiuso il secondo trimestre dell'anno con utile netto di 400 milioni di euro, secondo le stime preliminare pubblicate questa mattina. Il risultato è in calo del 10,5% rispetto allo stesso periodo di un anno fa ma è nettamente superiore alle previsioni del mercato, che erano per un utile netto in deciso calo a 159 milioni di euro, come indicato nel consensus pubblicato dalla stessa banca l'11 luglio scorso. Alla luce di questa ampia differenza tra i risultati preliminari del gruppo bancario e le stime degli analisti, Deutsche Bank ha deciso di anticipare i tempi e di pubblicare oggi i dati, anche se non definitivi, mantenendosi in linea con gli orientamenti di BaFin (la Consob tedesca). Sempre nel secondo trimestre, i ricavi del gruppo tedesco sono previsti pari a circa 6,6 miliardi di euro, rispetto a una stima media del consensus di 6,4 miliardi di euro.

Per il cda dimostrata stabilità della banca

«Il cda valuta che questi dati provino la stabilità di Deutsche Bank», si legge in una nota del gruppo bancario. In attesa della pubblicazione dei dati definitivi il 25 luglio, l'istituto ha indicato di aspettarsi un Ibit (Income before interests and taxes - utile prima di interessi e tasse) per il secondo trimestre di circa 700 milioni di euro e per il primo semestre dell'anno di 1,15 miliardi. Il primo trimestre dell'anno si è dimostrato debole per la banca, con un calo dei ricavi del 5% e dell'utile netto dell'80% a 120 milioni di euro. Dal mese di aprile c'è stato un cambio al vertice ed è entrato in carica il nuovo amministratore delegato, Christian Sewing, il quale aveva subito annunciato una riorganizzazione delle attività con il taglio di oltre 7mila posti di lavoro sui 97mila dipendenti del gruppo. Nel frattempo questo piano è stato portato avanti e sono stati già tagliate 1.700 unità, portando il totale dei lavoratori di Deutsche Bank a circa 94.500.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata