Finanza & Mercati

La società da mille miliardi di dollari: Google rilancia la…

  • Abbonati
  • Accedi
hi-tech & finanza

La società da mille miliardi di dollari: Google rilancia la sfida ad Amazon e Apple

Solo la quotazione di Saudi Aramco avrebbe bruciato tutti i concorrenti. Ma ora che l’Ipo del secolo del greggio saudita è (per il momento) sfumata, la corsa a diventare la prima società da mille miliardi di dollari di capitalizzazione rimane una questione riservata ai quattro campioni dell’hi-tech.

Proprio ieri notte i conti di Google, anzi per la precisione della capogruppo Alphabet, hanno fatto ripartire la corsa: il titolo ha innestato la quarta già nel dopo Borsa e oggi al Nasdaq ha confermato un rialzo superiore al 4% portando la capitalizzazione complessiva a 872 miliardi di dollari. La performance superiore alle attese del motore di ricerca, che continua ad aumentare i ricavi da advertising (anche se il cost per click scende costantemente) e che cresce solidamente nel cloud, ha così permesso ad Alphabet uno scatto con cui ha distanziato con convinzione Microsoft (828 miliardi), che peraltro l’aveva superata a fine maggio.

Il balzo ha permesso allo stesso tempo a Google di mettersi in scia ad Amazon, che con suoi 886 miliardi si conferma al secondo posto, sostenuta dalla continua crescita in termini di fatturato, redditività e innovazione del supermercato globale, che ha iniziato a macinare utili anche sul fronte del cloud e della pubblicità, le sue voci del bilancio a più alto tasso di espansione. Il ritmo da passista del titolo Amazon che continua la marcia al rialzo con una progressione impressionante ha permesso proprio la scorsa settimana a Jeff Bezos di diventare l’uomo più ricco della storia moderna, con un patrimonio che ha superato i 150 miliardi di dollari.

I tre colossi hi-tech continuano ad avere nel mirino il titolo Apple, che rimane da tempo la società a più alta capitalizzazione, dall’alto dei suoi quasi 950 miliardi (al momento sono 946,6) che appaiono come inarrivabili. In realtà il titolo della Mela, in testa alla classifica mondiale del valore di Borsa dal 2010 (quando aveva superato Microsoft), appare avere meno smalto proseguendo con alti e bassi che segnalano qualche debito d’ossigeno. La corsa verso la vetta della “one trillion company” rimane ancora apertissima a qualsiasi risultato.

LA CORSA DEI TITOLI PIÙ CAPITALIZZATI
Quotazione al Nasdaq, in dollari. Base 24/07/2017 = 100

© Riproduzione riservata