Finanza & Mercati

Giù Mediaset, Morgan Stanley cauta su pubblicità in Spagna e…

  • Abbonati
  • Accedi
peggior titolo del Ftse mib

Giù Mediaset, Morgan Stanley cauta su pubblicità in Spagna e M&A

Andamento titoli
Vedi altro

Titoli Mediaset in netta controtendenza sia a Milano sia a Madrid complice un report di Morgan Stanley più pessimista sull'andamento della raccolta pubblicitaria in Spagna: le azioni Mediaset a Piazza Affari cadono di oltre il 3% e lo stesso fanno quelle della controllata spagnola Mediaset Espana.

Per gli analisti Usa, che sulle azioni milanesi hanno un target di 2 euro e consigliano di ridurre l'esposizione, i ricavi pubblicitari spagnoli saranno piatti nel 2018 (in linea con quanto avvenuto nel primo semestre). Se nel primo semestre, e in particolare nel mese di giugno e luglio, il supporto alla pubblicità è arrivato da un evento come i Mondiali di Calcio, secondo Morgan Stanley la seconda parte dell'anno sarà debole e questo porterà a un calo intorno all'1% dei ricavi pubblicitari netti complessivi 2018 pur considerando il +1,5% delle reti televisive di Mediaset in Italia. Lo stesso broker nutre inoltre poche speranze su una alleanza internazionale per Mediaset nella tv free: gli analisti si dicono scettici alla luce della difficoltà nell'estrarre reali sinergie sui costi e sui ricavi ritenendo invece più feconde le collaborazioni sul fronte della tecnologia pubblicitaria e nelle piattaforme Ott.

Resta sempre ancorata al prezzo dell'Opa, l'altra controllata di Mediaset, cioè Ei Towers, su cui il gruppo di Cologno Monzese in asse con il fondo F2i lancerà a settembre una offerta pubblica d'acquisto per ritirare la listino i titoli della società delle torri di trasmissione del segnale tv e telefonico. L'obiettivo, una volta completata l'operazione finanziaria, è - come ricordato oggi anche dal numero uno di F2i Renato Ravanelli nel corso di una intervista, dare vita a un operatore che consolidi il mercato delle torri in Italia.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata