Finanza & Mercati

Su Tim pesano il giudizio di Exane e la concorrenza di Iliad

  • Abbonati
  • Accedi
piazza affari

Su Tim pesano il giudizio di Exane e la concorrenza di Iliad

Andamento titoli
Vedi altro

Nuovo brusco scivolone a Piazza Affari per il titolo Telecom Italia, che segnala performance peggiore del listino principale, dopo un minimo a 0,521 euro, aggiornando i minimi dall'inizio di settembre 2013. Le azioni, che sono state anche fermate brevemente in asta di volatilità, risentono del giudizio negativo degli analisti di Exane che hanno abbassato il rating a «underperform» mentre il target price passa da 0,60 euro a 0,38 euro. Gli esperti hanno sottolineato la maggiore pressione competitiva a cui è sottoposto il titolo Tim, il che ha portato ha una revisione al ribasso delle stime per i prossimi esercizi.

E proprio sul tema della competizione, un altro fattore che ha fatto scattare le vendite su Telecom oggi sono i conti di Iliad. Il gruppo ha comunicato un aggiornamento sulla clientela acquisita in Italia fino ai primi giorni di agosto. Iliad ha riportato 635mila clienti mobili in Italia a fine giugno, 1 milioni al 18 luglio e 1,5 milioni nei primi giorni di agosto. «La progressione della base clienti rimane quindi molto solida - commentano gli analisti di Equita - con un run rate di circa 20mila nuovi clienti al giorno nel primo mese di attività, proseguito su livelli simili fino al 18 luglio e in accelerazione nella seconda metà di luglio/inizio agosto (probabilmente intorno ai 25mila clienti al giorno). Con questo run rate, pur ipotizzando un rallentamento nella seconda metà di agosto, i 2 mln di clienti dovrebbero essere raggiunti nel corso della prima metà di settembre», secondo Equita.

© Riproduzione riservata