Finanza & Mercati

Un’altra Pmi italiana sceglie Parigi. MyBest sbarca su Euronext

  • Abbonati
  • Accedi
mercato dei capitali

Un’altra Pmi italiana sceglie Parigi. MyBest sbarca su Euronext

Non solo Piazza Affari, le Pmi italiane si quotano anche all’estero. È il caso di MyBest - gruppo che da 15 anni opera in multicanalità nel settore delle utility e dell’E-commerce con un comparatore di tariffe e una rete di operatori formati per offrire consulenza e risparmio ai clienti privati - che proprio oggi viene ammesso alle quotazioni sul comparto Euronext Growth di Parigi, dove debutterà in via ufficiale il 10 settembre.

Le opportunità della liberalizzazione
Protagonista della switching economy, ovvero la possibilità di cambiare operatore in virtù della liberalizzazione in atto sui mercati dell’energia e della telefonia, MyBest arriva al listino al termine di un percorso di avvicinamento che l’ha vista emettere negli ultimi 3 anni due bond per complessivi 5 milioni di euro la cui conversione, insieme al private placement appena concluso nei giorni scorsi fra investitori in prevalenza nazionali, garantirà un flottante pari al 37% e una capitalizzazione attorno ai 33,8 milioni.

«Attraverso la quotazione su Euronext, mercato molto attento alle società tech innovative come la nostra, miriamo a migliorare la visibilità internazionale e a moltiplicare le possibilità di sviluppo dell’attività», ha spiegato Fabio Regolo, presidente e a.d. di My Best, che oltre alla crescita organica non esclude possibili sviluppi sia in Italia sui mercati adiacenti delle assicurazioni e della finanza personale, sia all’estero dove è già marginalmente presente in Spagna. My Best - assistita in questa operazione dallo sponsor Atout Capital, dai global advisor Ubs e KT&Partners, e dal legal advisor Nctm - è la dodicesima società italiana quotata su Euronext e rientra negli strumenti in cui possono investire i Pir.

Un mercato da 250 miliardi l’anno
Il fatturato della switching economy vale nel complesso 250 miliardi di euro all’anno nella sola Italia, 2.000 miliardi di euro in Europa e oltre 6.000 miliardi di euro nel mondo. «My Best ha saputo distinguersi nel panorama italiano di questo settore per un particolare posizionamento e un modello di business coerente, che è stato in grado di generare una costante crescita in termini sia di fatturato sia di marginalità», ha ricordato Giovanni Vecchio, responsabile delle attività italiane di Euronext, sottolineando che «i risultati economici, il team manageriale e un'adeguata costruzione dell'operazione in diverse fasi hanno saputo coinvolgere un'ampia base di investitori di alto livello».

© Riproduzione riservata