Risparmio

Alleanza punta su protezione e salute

  • Abbonati
  • Accedi
compagnie e clienti

Alleanza punta su protezione e salute

Nata 120 anni, fa portando per prima in Italia il modello anglosassone dell’assicurazione “popolare”,  Alleanza Assicurazioni punta a nuove frontiere nel campo delle polizze di protezione e in particolare della salute. Nonostante l’età si mostra tutt’altro che tradizionalista: il network diretto proprietario con 15mila consulenti assicurativi (e 1200 punti vendita opertivi) è già compliance alla Idd (nuova direttiva europea sulla distribuzione che entra in vigore il prossimo 1° ottobre) e vanta anche il primato di prima rete assicurativa digitalizzata in Europa che distribuiscono 4,9 miliardi di premi l’anno.

I risultati
A quattro anni dal varo della strategia di crescita sostenibile, Alleanza imprime un'ulteriore accelerata alla sua organizzazione, dopo aver completato con successo il piano di trasformazione della rete - primo network distributivo digitalizzato in Europa; oggi 3 contratti su 4 sono in digitale - e di innovazione dell'offerta assicurativa - l'80% della nuova produzione è a componente ibrida.
Negli ultimi 4 anni, la compagnia ha registrato una crescita della nuova produzione del 34,2%, a fronte di un mercato Vita in contrazione del 12,2%, passando da 1,7 miliardi di euro nel 2014 ai 2,2 miliardi a fine 2017, record storico di raccolta per la compagnia. Un trend di crescita costante che si conferma anche nel 1° semestre del 2018, con la nuova produzione a +2,2%.
«Grazie a quattro anni di crescita costante Alleanza è passata dal nono al quinto posto tra le imprese vita italiane - spiega Davide Passero, amministratore delegato di Alleanza – un traguardo importante ottenuto grazie alla digitalizzazione della rete distributiva, alla trasformazione dell'offerta e all'aumento dell'indice di soddisfazione dei nostri clienti. Puntiamo ora a rafforzare la nostra leadership, attraverso investimenti in competenze, metodologie e tecnologie volti a potenziare la nostra capacità di offrire consulenza assicurativa ad alto valore. Forti degli ottimi risultati ottenuti nella Protezione della Vita, vogliamo ribadire il nostro ruolo di assicuratore anche in un ambito molto sentito dalle persone, quello della Protezione della Salute, che sta assumendo una crescente rilevanza sociale. Per questo nasce Semplice con Alleanza».
«Da 120 anni Alleanza cresce accanto alle famiglie italiane. Un lungo cammino, affascinante e ricco di sfide, che Alleanza ha saputo sempre intercettare trasformandole in successi – ha spiegato anche Marco Sesana, Country Manager Italy & Global Business Lines Generali and Ceo of Generali Italia – . Negli anni, alla solidità della struttura della Compagnia e al suo modello unico di rete agenziale, si è affiancata una grande dinamicità nel cogliere, prima di altri, i segnali provenienti del mercato e dal contesto socio-economico. Oggi, ancora una volta, si è mossa in anticipo per raggiungere l'eccellenza commerciale e offrire la migliore consulenza ai suoi 2 milioni di clienti».

La nuova polizza
Alleanza, già leader nel risparmio e nella previdenza (con quote di mercato del 10% e del 15%) e forte dell'expertise in ambito Protezione Vita - con oltre 80 milioni di euro di raccolta nel 2017- oggi punta sulla Protezione della Salute delle famiglie, un business ad alto valore sociale. L’emergenza assistenziale è sempre più sentita: secondo i dati Istat nel 2017 le famiglie italiane hanno speso 36 miliardi per prestazioni sanitarie di tasca propria e poco più di un italiano su dieci, secondo dati Ania, ha una polizza salute.
Per rispondere a questa sottoassicurazione delle famiglie Alleanza lancia “Semplice con Alleanza”: il piano pensato per far fronte agli imprevisti e garantire stabilità economica alle famiglie in caso di infortuni o malattie che impediscano di lavorare, in via temporanea o permanente, o per affrontare una spesa sanitaria non prevista. Semplice con Alleanza offre: 4 soluzioni di protezione con una facile accessibilità (premio mensile da 15 euro) e certezza del rimborso: alla firma del contratto si stabilisce l'importo esatto per ciascun tipo di evento.

Investimenti sulla rete
In anticipo rispetto all'entrata in vigore di ottobre della Insurance Distribution Directive (Idd), da luglio 2018 Alleanza ha già rilasciato su tutta la rete di vendita sistemi e metodologie Idd compliant e ha investito oltre 40mila ore di formazione sulla nuova normativa. La formazione della rete resta al centro della strategia: nel 2017 la compagnia ha erogato oltre 1 milione di ore per il programma di formazione, specializzazione e training on the job.
«L'innalzamento degli standard di consulenza e il completamento della digitalizzazione della rete hanno contribuito a migliorare la soddisfazione dei clienti di Alleanza - spiega Passero –: in quattro anni l'indice Nps (Net promoter score) è cresciuto dall'1,7% all'17,3%. Inoltre, il tasso di fedeltà dei clienti ha registrato una retention del 94%».

© Riproduzione riservata