Finanza & Mercati

Euro, Italexit è la vera paura dei mercati: lo dicono i Cds

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |Grafinomix

Euro, Italexit è la vera paura dei mercati: lo dicono i Cds

Ha ragione il ministro Tria quando afferma che l’Italia ha fondamentali economici solidi. Infatti i mercati non sono preoccupati per i fondamentali. E neppure per un’improbabile insolvenza dell’Italia. La maggiore paura, quella che tiene elevato lo spread BTp-Bund oltre ogni ragionevolezza economica, è politica: gli investitori temono che l’Italia possa prima o poi uscire dall’euro. Questa preoccupazione è misurabile attraverso le quotazioni di speciali derivati chiamati Cds: calcola Calipso, società specializzata nel settore, che attualmente i prezzi dei Cds assegnano una probabilità bassa all’ipotesi di insolvenza dell’Italia (il 13,2%) e una probabilità quasi doppia all’ipotesi che il Paese torni alla lira (23,8%). È evidente che le rassicurazioni date dal Governo su questo tema non convincono gli investitori.

GUARDA IL VIDEO / Italexit: senza capitali esteri costi nazionali a carico dei cittadini

I credit default swap (Cds) sono polizze assicurative con cui gli investitori si coprono dal rischio di insolvenza di qualunque azienda o Stato. Inclusa l’Italia. Di Cds, per una riforma del 2014, in Europa ne esistono due tipi diversi. Il primo tipo è quello vecchio (precedente al 2014), che assicura gli investitori solamente dal rischio che uno Stato diventi insolvente. Il secondo Cds (nato dopo la riforma del 2014) assicura invece gli investitori non solo dal rischio di default come il primo, ma anche dal rischio di ridenominazione del debito. Basta quindi confrontare i prezzi di questi due Cds per calcolare le probabilità implicite di default e di uscita dall’euro dell’Italia. Calipso l’ha fatto. E il risultato è chiaro: il mercato non teme tanto l’insolvenza dell’Italia (il 13% di probabilità è basso ed era stato toccato anche nel 2017 e nel 2016), ma l’eventualità che presto o tardi il Paese voglia tornare alla lira. La percentuale del 23,8% - segnala Calipso - è calcolata in base a un’ipotesi di svalutazione della lira del 30% e a una correlazione con il default al 50%.

Italexit: senza capitali esteri costi nazionali a carico dei cittadini

Bene inteso: i mercati non sono Nostradamus. Spesso sbagliano le previsioni. Ma il problema non cambia: attualmente questa è la loro percezione (i Cds non sono sondaggi ma prezzi effettivi di strumenti finanziari), e giusta o sbagliata che sia su questa percezione gli investitori basano le loro scelte. Se lo spread tra BTp e Bund restasse alto, se le banche soffrissero troppo e riducessero il credito alle imprese, sarebbe una magra consolazione dire che il mercato si sbaglia. Perché anche sbagliandosi, è in grado di fare danni enormi. Ingiusti forse. Ma enormi lo stesso.

© Riproduzione riservata