Finanza & Mercati

Levi’s in Borsa: Ipo da 800 milioni per il brand che inventò i…

  • Abbonati
  • Accedi
valutazione da 5 miliardi

Levi’s in Borsa: Ipo da 800 milioni per il brand che inventò i jeans

Levi’s, brand americano che inventò i jeans, studia il ritorno a Wall Street: Ipo da 800 milioni (Ansa)
Levi’s, brand americano che inventò i jeans, studia il ritorno a Wall Street: Ipo da 800 milioni (Ansa)

I leggendari jeans di James Dean puntano a un ritorno a Wall Street: il marchio Levi’s dovrebbe debuttare in Borsa nel primo trimestre del 2019 a una valutazione di 5 miliardi di dollari. Secondo indiscrezioni, Levi Strauss punta a raccogliere fra i 600 e gli 800 milioni di dollari con la quotazione e sta lavorando con Goldman Sachs e JPMorgan per definire i termini dell’operazione. Non sarebbe la prima volta: la società che ha inventato i blu jeans si è infatti quotata la prima volta nel 1971 in quella che all’epoca è stata una delle maggiori Ipo della storia. Senza lieto fine, però.

Un precedente non troppo fortunato
Nel 1984, infatti, c’è il ripensamento: gli eredi di Strauss, tramite un leverage buyout, hanno effettuato il delisting. E nel 1996 hanno acquistato le azioni restanti in mano ai dipendenti e a investitori esterni, consolidando la leadership di famiglia. Si è trattato di operazioni costose che hanno costretto la società ad assumersi miliardi di dollari di debito proprio in un momento in cui il mercato stava cambiando e la concorrenza si stava rafforzando. Comunque la vogliate mettere, Levi’s è un pezzo di storia americana. Una storia che parte nel 1853, quando Levi Strauss, immigrato tedesco omonimo della celebre dinastia austriaca di compositori, arriva in California durante la corsa all’oro alla ricerca di un avamposto sulla costa occidentale degli Stati Uniti per l’azienda di famiglia che vendeva tessuti.

Quella stoffa blu che arrivava da Genova
Pezzo forte della casa: quel tessuto blu che arriva da Genova, nome poco familiare ai clienti statunitensi che lo storpiano in qualcosa che suona come «Jean». Venti anni dopo Strauss, assieme a uno sarto suo cliente, Jacob Davis, brevetta l’idea di usare rivetti per rafforzare i pantaloni nelle aree sottoposte a maggiore sforzo. I jeans muovevano così i loro primi passi. Levi’s è al momento una società privata controllata dai discendenti di Strauss. La sua affiliata giapponese, Levi Strauss Kk., è quotata alla borsa di Tokyo e anche i bond di Levi's sono scambiati sul mercato finanziario.

© Riproduzione riservata