Finanza & Mercati

Elite tra i «Mecenati del XXI secolo» per il progetto su Capodimonte

  • Abbonati
  • Accedi
consegna del Premio all’Europarlamento

Elite tra i «Mecenati del XXI secolo» per il progetto su Capodimonte

Il team di Elite ritira il premio «Mecenati del XXIesimo Secolo» all’Europarlamento di Bruxelles
Il team di Elite ritira il premio «Mecenati del XXIesimo Secolo» all’Europarlamento di Bruxelles

Al progetto Elite vince il premio «Mecenati del XXI Secolo», dedicato al mecenatismo istituzionale, con il progetto Rivelazioni, dedicato al Museo e al Real Bosco di Capodimonte a Napoli. L’annuncio del riconoscimento ha avuto luogo oggi a Bruxelles, alla presenza del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. Lanciato da Borsa Italiana nel 2015, Rivelazioni è iniziativa di mecenatismo diffuso e partnership tra privati e istituzioni che prevede un accordo programmatico con alcuni dei principali musei d’Italia per il restauro di opere di pregio spesso conservate nei depositi.

Borsa Italiana ed Elite promuovono presso la comunità imprenditoriale e finanziaria la raccolta di risorse per il restauro che prevede che ciascun mecenate «adotti» un’opera che verrà poi «rivelata» nuovamente al pubblico.
Grazie all’accordo tra Borsa Italiana e l’Advisory Board del Museo di Capodimonte presieduto da Giovanni Lombardi con il progetto Rivelazioni, nove aziende del programma Elite (Cartesar, D’Amico D&D Italia, Epm, Graded, Pasell, Protom Group, Tecno, Temi e un donor anonimo) hanno finanziato quest’anno il restauro di sette capolavori del museo napoletano che verranno restituiti alla piena fruizione da parte del pubblico.

Una delle chiavi di successo dell'iniziativa è la «valorizzazione». Infatti non si tratta solo di restaurare e conservare opere d’arte ma anche farle «vivere», dando la possibilità alle aziende che le restaurano di organizzare attività che diano visibilità, valore e importanza al restauro. Per rafforzare l’impegno nel mondo dell’arte è stato poi creato uno spazio espositivo, Borsa Italiana Gallery (Big), nella sede di Borsa Italiana a Milano in cui ospitare opere d’arte tra cui quelle restaurate nell’ambito di Rivelazioni. Si tratta di «pop-up museum» (definizione di James Bradburne, direttore della Pinacoteca di Brera) che vuole essere un punto di incontro tra arte e finanza. Big è una vetrina al di fuori delle sedi museali, per sensibilizzare ai temi legati all'arte e alla cultura la community finanziaria.

Luca Peyrano, ad di Elite, si dice «onorati di ricevere questo prestigioso riconoscimento che premia l’impegno di Elite a favore del supporto delle imprese ad alto potenziale di crescita, non solo nel prepararsi a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, ma anche nel fare propria una cultura manageriale attenta ai temi della responsabilità verso il territorio e la cultura». Il premio, secondo Valentina Sidoti, responsabile di Rivelazioni, «conferisce al nostro progetto un respiro ancor più internazionale riconoscendolo come progetto benchmark tra le numerose candidature provenienti da tutto il mondo». Sylvain Bellenger e Giovanni Lombardi, rispettivamente direttore e presidente dell’Advisory board del Museo, sottolineano «l’importanza della collaborazione tra pubblico e privato per tener vivo il nostro immenso patrimonio culturale e artistico». I premi Mecenati del XXIesimo Secolo sono organizzati da pptArt. L’edizione 2018 si è svolta il 28 novembre a Bruxelles presso il Parlamento Europeo. L’edizione del 2017 è stata ospitata dal Quirinale alla presenza di Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana. Nelle tre edizioni dal 2016 al 2018, i Premi hanno coinvolto istituzioni internazionali e prestigiose aziende per un totale di 300 partecipanti da 32 Paesi nei 5 continenti.

© Riproduzione riservata