Finanza & Mercati

Moncler debole, Mediobanca cauta dopo incontro con la società

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |moda

Moncler debole, Mediobanca cauta dopo incontro con la società

Andamento titoli
Vedi altro

Monclerin calo a Piazza Affari, complice la raccomandazione di cautela espressa da Mediobanca, dopo un confronto avuto con i manager dell'azienda.
Gli analisti di Piazzetta Cuccia hanno reiterato la raccomandazione di 'Neutral' su Moncler, dopo avere di recente incontrato i manager dell'azienda a Boston e pur avendo ricevuto indicazioni positive sull’andamento del business e sulla strategia. Per la banca d'affari rimane però il rebus delle vendite in Cina, che potrebbero rallentare per l'intero settore del lusso. Comunque Mediobanca ha individuato un target di prezzo notevolmente superiore alle attuali quotazioni e uguale a 37,3 euro.
La Cina, hanno sottolineato gli analisti di Mediobanca, è un'area che ormai rappresenta per la società un terzo delle vendite al dettaglio complessive. Comunque Moncler ha rassicurato che sta registrando una forte richiesta di prodotti nella Repubblica Popolare e anche i prezzi tutto sommato dovrebbero tenere. «Il divario di prezzo tra la Cina ed Europa è nel range del 40-45% e potrebbe scendere a circa il 40% nel 2019», hanno commentato gli analisti di Mediobanca dopo il confronto con i manager del gruppo del piumino. La società non teme neppure i vincoli introdotti nella Repubblica Popolare per calmierare il ‘daigou’, il commercio su Internet ideato per aggirare le tasse imposte sui beni di lusso.

I manager del gruppo del piumino, durante l'incontro a Boston, hanno anche indicato che a tendere la società realizzerà un maggiore giro d’affari con prodotti diversi dal piumino, come maglioni, scarpe e altri capi. Se oggi i capispalla rappresentano il 75% delle vendite totali, «secondo le nostre stime tra 5 anni, il peso dei capispalla potrebbe scendere al 60%», hanno commentato sempre gli esperti della banca d’affari.
Per l’anno venturo, è emerso sempre nel corso del meeting, sono in previsioni le aperture di 15 nuovi negozi di proprietà in varie aree del mondo. Nel Nord America, però, il gruppo sta pianificando più che altro di convertire le posizioni multimarca all'ingrosso in negozi monomarca.
Sul fronte dell’e-commerce, secondo Mediobanca, ci potrebbero essere novità: il gruppo potrebbe decidere di portare in casa il business online diretto, che invece per adesso è gestito da Yoox Net-a-Porter. Del resto si tratta di un busioness che cresce a doppia cifra. «Come obiettivo a medio termine, il business online monomarca potrebbe arrivare fino al 10% delle entrate del gruppo», hanno stimato gli esperti di Mediobanca. Ad oggi l’e-commerce complessivo, tenendo contro anche delle vendite realizzate su altri siti, rappresenta l'8% dei ricavi del gruppo del piumino. Infine, dal confronto Moncler-Mediobanca, è emerso che il Progetto Genius dovrebbe arrivare a pesare già a fine 2018 il 10% circa sulle entrate complessive. Genius, hanno concluso gli analisti, «genera traffico» per il gruppo.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata